rotate-mobile
Cronaca Carmiano

Avevano rubato rame e attrezzi agricoli: condannati a quattro e nove mesi

Al termine del procedimento penale nei confronti di un uomo e una donna, residenti a Carmiano, ed arrestati nel giugno scorso, arriva l'ordine di carcerazione per entrambi

CARMIANO - Poco più di quattro mesi per lei e nove mesi per lui: si conclude con queste rispettive condanne il procedimento penale nei confronti di due soggetti di Carmiano, arrestati il 12 giugno scorso dai carabinieri della locale stazione, per furto aggravato di rame.

I due, Anna Fabiola Cito, 49enne, e Tonino Furia, classe 45enne, noti per reati analoghi, erano stati avvistati da una pattuglia in servizio a bordo di un ciclomotore, che trasportavano un vistoso sacco bianco, transitando da una via periferica comunale a velocità piuttosto sostenuta.

Dopo averli fermati, nel corso del controllo, i carabinieri avevano rinvenuto nel sacco fili di rame, una pompa in rame e diversi piccoli attrezzi agricoli, rubati poco prima in due fondi dell’agro di Carmiano, rispettivamente in località Gallipolino e Scerra. Restituita la refurtiva ai legittimi proprietari, convocati nella notte in caserma per sporgere denuncia, i due avevano ricevuto dal magistrato di turno gli arresti domiciliari.

Il 16 ottobre, al termine del procedimento penale, i militari della stazione di Carmiano hanno eseguito l’ordine di carcerazione nei confronti della donna, che dovrà scontare 4 mesi e tre settimane di reclusione. Questo pomeriggio, invece, i carabinieri di Novoli hanno arrestato l'uomo che sconterà nove mesi. Entrambi sono stati condotti nel carcere di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avevano rubato rame e attrezzi agricoli: condannati a quattro e nove mesi

LeccePrima è in caricamento