Cronaca Via Attilio Biasco

I ladri mettono le mani nella buca della posta: fa gola l'ottone degli sportelli

Dopo il rame è il metallo più ricercato, perché utilizzabile in vari ambiti: quota sui 5 euro al chilo. Dal rione Salesiani la segnalazione di diversi casi avvenuti nei giorni scorsi. In primavera fu la volta di maniglie e pomelli dai portoni d'ingresso

Una buca per le lettere senza lo sportello.

LECCE- L'ottone fa gola i ladri che, dopo aver fatto incetta sistematica di rame, si stanno "specializzando" sul furto di oggetti realizzati con la lega di rame e zinco. Se ne sono accorte nei giorni scorsi diverse famiglie del rione Salesiani. Delle vere e proprie razzie di sportelli ribaltabili per buche delle lettere sono state infatti messe a segno in via Biasco e dintorni, dove decine sono le villette che presentano la tipica feritoia orizzontale chiusa dalla lastra di ottone che si muove all'occorrenza per consentire il recapito della corrispondenza e che impedisce l'infiltrazione di acqua.  

Si tratta di oggetti di scarso valore, per i quali non viene sporta nemmeno denuncia, ma sul mercato nero possono fruttare qualche introito. All'inizio della primavera, questo giornale fece presente il ripetersi di furti di maniglie e pomelli dai portoni di ingresso dei palazzi.Danni minimi, piccoli disagi facilmente risolvibili, ma proprio per questo il furto in questione prolifera e nello stesso tempo passa inosservato. L'ottone, dopo il rame, è di gran lunga il metallo più ricercato: può essere usato praticamente in diversi ambiti, dall'elettricità all'edilizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ladri mettono le mani nella buca della posta: fa gola l'ottone degli sportelli

LeccePrima è in caricamento