menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

“Voleva violentarmi, era armato di coltello”: scappa e chiama il 112, arrestato

E' successo la notte di San Lorenzo a Gagliano del Capo. Vittima, una 23enne moldava. Preso un 35enne romeno senza fissa dimora: si sarebbe infilato furtivamente in casa

GAGLIANO DEL CAPO – Si sarebbe introdotto furtivamente, di notte, in un’abitazione, per poi scivolare nella stanza di una ragazza di 23 anni, moldava, e, sotto la minaccia di un coltello, avrebbe tentato di ottenere un rapporto sessuale. Ma, riuscita a divincolarsi e a urlare a più non posso, fuggendo, ha evitato che la violenza si consumasse e consentito di arrestare l’uomo. Si tratta di un cittadino di origine romena, di 35 anni, senza fissa dimora.

È successo a cavallo fra la notte di San Lorenzo, il 10 agosto, e le prime ore dell'11, a Gagliano del Capo e, dopo tutti gli accertamenti, i carabinieri della stazione locale, nella tarda mattinata di ieri hanno proceduto all’arresto. Il 35enne risponde di violenza privata e tentata violenza sessuale aggravata dall’uso di armi.

Stando agli accertamenti svolti dai militari dipendenti dalla compagnia di Tricase, l’uomo nel corso della notte, si sarebbe dunque introdotto all’interno di un appartamento alla periferia di Gagliano, riuscendo poi a infilarsi nella stanza occupata dalla ragazza moldava. Ed estratto un coltello per tenerla a bada, cogliendola di sorpresa, avrebbe tentato di violentarla.

Ma la ragazza, colta dal panico, nonostante l'esplicita minaccia armata, ha iniziato a urlare e non senza difficoltà, a sfuggire alle grinfie dell’uomo, scappando inizialmente per strada. Il 35enne non avrebbe però desistito, finendo per inseguirla. Ma la 23enne, riuscita a tornare indietro e a rientrare in casa, si è chiusa a chiave e ha composto il 112.

I carabinieri hanno acquisito al volo tutte le informazioni utili, compresa la descrizione del soggetto, riuscendo così a rintracciarlo subito dopo mentre si aggirava per le vie del paese. Portato in caserma, qui è stato riconosciuto senza ombra di dubbio dalla vittima e, su parere del magistrato di turno, è stato dichiarato in arresto e portato in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento