Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Camillo Benso Conte di Cavour

Fanno esplodere la parete, ma la cassaforte resta integra

Il tentativo di furto nella notte ai danni del Banco di Napoli di Galatone. I malviventi non sono riusciti a portare via i soldi. Notevoli i danni alla struttura e a qualche veicolo in sosta

L'effetto della deflagrazione (foto di Antonio Quarta).

GALATONE – La deflagrazione ha svegliato di colpo il vicinato. Alle prime ore del giorno dell’Immacolata, a Galatone qualcuno ha cercato di festeggiare facendo il botto. In tutti i sensi. Ma il colpo, nonostante i danni arrecati siano davvero notevoli, non è riuscito: saltata la parete, esplosi i vetri di qualche auto sventuratamente parcheggiata la notte prima nelle vicinanze, gusto la cassaforte è rimasta integra. E i ladri, a quel punto, hanno dovuto ripiegare a mani vuote.

Che la criminalità stia alzano il tiro, è ben evidente. Tre rapine in meno di mezzora, ieri sera, fra Cavallino, Villa Convento e Novoli (due supermercati e una farmacia), la notte prima un foro immenso nel muro della ditta di spedizioni Sda, nella zona industriale di Lecce, per rubare mezzi e merce, e, ora, anche un ordigno collocato in prossimità dello sportello automatico della filiale del Banco di Napoli di Galatone, per cercare di portar via contante fresco.

Tutto è avvenuto, in via Cavour, quindi in una zona centrale, intorno alle 3,30 di notte. Il boato è stato molto forte, l’interno della banca ha subito diversi danni, i cristalli di una Ford Focus che era ferma in quel punto sono esplosi, ma proprio la cassaforte ha retto all’onda d’urto. Impossibile anche da portare via in pochi minuti, magari per scardinarla altrove. E i malviventi sapevano che nel giro di pochi minuti sarebbero arrivati vigilanza e carabinieri. Hanno quindi deciso di volatilizzarsi.

Sul posto, in effetti, poco dopo sono arrivati i militari del Norm di Gallipoli e della stazione galatonese, oltre alle pattuglie della Cosmopol. I carabinieri, sotto il coordinamento del comandante della compagnia, il tenente Francesco Battaglia, stanno ora provando a identificare la banda, partendo dai filmati di videosorveglianza dell’istituto bancario, per capire esattamente quanti abbiano agito e con quale veicolo siano giunti sul posto e in seguito fuggiti. L'unica consolazione, in tutto questo, è che non vi siano stati feriti. Considerando la devastazione provocata all'interno degli uffici, se tutto si fosse verificato in un altro momento, sul posto sarebbero sicuramente arrivate anche le ambulanze. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fanno esplodere la parete, ma la cassaforte resta integra

LeccePrima è in caricamento