Bottiglia incendiaria sul portone di professore già candidato sindaco

Misterioso danneggiamenti ai danni di Sebastiano Zenobini, presidente dell’associazione Galatone Bene Comune. La solidarietà di Filoni

Galatone, via Gorizia.

GALATONE – Il danno è stato minimo, giusto l’annerimento del portone dell’abitazione, in via Gorizia. Ma il gesto sconsiderato, l’accensione di una bottiglia incendiaria, sta ora muovendo una forte discussione dentro Galatone (e non solo), dove a essere preso di mira è stato un personaggio noto e stimato nella sua comunità, Sebastiano Zenobini, docente di lettere presso  presso il liceo scientifico "Vallone" di Galatina, conosciuto anche oltre i confini locali per il suo attivismo politico: presidente dell’associazione Galatone Bene Comune, è stato candidato sindaco alle ultime elezioni, quelle in cui si è imposto Flavio Filoni, con una coalizione formata da Pd, Udc e liste civiche.

E proprio da Filoni, questa mattina, è arrivata una nota di solidarietà. “Mi sono recato subito sul posto – ha scritto il primo cittadino sulla sua pagina Facebook - ed ho espresso a nome mio e di tutta la coalizione che rappresento, massima solidarietà e sostegno a Sebastiano, con l’augurio che questo atto non sia connesso al suo impegno politico, dato che da sempre, insieme agli iscritti di Galatone Bene Comune, conduce un’attenta, serena, trasparente ed ordinata attività politica. Saremo sempre dalla parte di chi lotta per il bene della nostra comunità”.

L’episodio è avvenuto nel cuore della notte, o così, almeno, si presume, ma la scoperta risale alle 6 del mattino. A quell’ora, infatti, Zenobini e la sua famiglia (il docente è sposato e ha due figlie) si sono accorti del danneggiamento. Sono subito stati chiamati i carabinieri. I militari dipendenti dalla compagnia di Gallipoli hanno così raggiunto via Gorizia per avviare gli accertamenti. Sono al vaglio alcune videocamere di attività commerciali della zona. 

La bottiglia incendiaria, che è stata sequestrata, per fortuna non ha provocato danni più estesi. Le stesse fiamme si sono estinte da sole. Resta ora da capire quale sia il movente di un gesto che ha scosso i galatonesi e chiunque, in generale, conosca il docente per l'impegno sociale e professionale. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento