menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fermato in auto con fuochi artificiali non di libera vendita: denuncia e multa

Nei guai un 22enne, fermato nel tardo pomeriggio di ieri dalla squadra amministrativa del commissariato di Gallipoli. Sanzione da 533 euro anche per un suo amico, per aver violato le disposizioni anti-Covid

GALLIPOLI – La voglia di festeggiare l’anno nuovo gli sarà passata in un istante, quando gli sono state comunicate le conseguenze di quello spostamento in un comune vicino per acquistare fuochi pirotecnici: denuncia a piede libero e multa da 533 euro.

Nei guai è finito un giovane di 22 anni, fermato nel tardo pomeriggio di ieri dalla squadra amministrativa del commissariato di polizia di Gallipoli. In auto, con lui, peraltro, c’era anche un coetaneo che se l’è cavata “solo” con la sanzione, dello stesso importo, dovuta al fatto che entrambi si erano spostati dal proprio comune di residenza, senza una valida motivazione.

Tutto ha avuto inizio quando i due ragazzi sono stati fermati in un comune limitrofo a Gallipoli. A uno dei due è stato contestato il fatto di aver acquistato, senza averne i requisiti e il titolo autorizzativo, nove artifici pirotecnici e due batterie appartenenti alle categorie di materiale esplodente non di libera vendita. In sostanza, il giovane era sprovvisto di porto d’armi, di nulla osta del questore e di licenza di fuochino.

Il materiale esplodente, che si trovava stipato nel portabagagli dell’auto del giovane denunciato, è stato sequestrato. E sia il 22enne, sia l’amico, hanno ricevuto anche la sanzione amministrativa di 533 euro ciascuno, ai sensi dell’attuale Dpcm in materia di contrasto alla diffusione del Covid-19. Al momento, sono in corso ulteriori indagini anche per risalire a chi ha smerciato i fuochi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Sorpreso a confezionare dosi di cocaina, scatta l'arresto

  • Politica

    Iniezione di personale a Nardò: il Comune assume 53 unità

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento