rotate-mobile
Cronaca Gallipoli

Vetrata del bar sfondata: incetta di slot, ma i ladri lasciano il grosso del bottino

Ben cinque apparecchiature, compresa una macchina cambia-soldi, sottratte nel Marylè, presso l'area di servizio Eni sulla 274, in agro di Gallipoli. Ritrovati nelle campagne di Taviano il furgone rubato e il grosso della refurtiva. Qualcosa deve aver disturbato i malviventi

GALLIPOLI – Sfondano la vetrata e fanno razzia di slot-machine, ma nella sostanza i ladri hanno dovuto mollare il grosso del bottino, forse non avendo avuto il tempo materiale di aprire le casse di tutte le apparecchiature rubate e probabilmente temendo che i carabinieri fossero già sulle loro tracce. In effetti, così era, perché i militari dell’aliquota radiomobile di Gallipoli, nell’arco di poco tempo, dopo un primo sopralluogo sul luogo del furto, hanno ritrovato il furgone usato per la razzia e buona parte della refurtiva.

Tutto è avvenuto nel corso della notte, intorno alle 2, lungo la strada statale 274. Una banda di malviventi, molto ben attrezzata, dopo aver rubato nelle ore precedenti un furgone Iveco nella zona di Ugento, ha fatto irruzione dentro l’area di servizio Eni Station che volge in direzione di Gallipoli, qualche chilometro prima dello svincolo per contrada Li Monaci e Baia Verde. Qui, i ladri hanno preso di mira il Bar Marylè, annesso all’area, spaccando la vetrata.

L’ingresso dei malviventi nel locale commerciale è coinciso con l’attivazione del sistema nebbiogeno antintrusione. Ma, nonostante la fitta coltre di fumo che s’è venuta a creare, limitando fortemente la visibilità, non si sono arresi e hanno preso di peso quattro slot-machine e una macchina cambia-monete, caricandole sul furgone e ripartendo a tutta velocità.

933ffa5b-2f85-4d95-b865-d8b8638db41e

A quel punto, la banda deve aver svoltato verso Gallipoli, per fare dietrofront e rientrare sulla statale 274 nel senso di marcia opposto, per poi addentrarsi nelle campagne. I carabinieri, infatti, iniziando a perlustrare tutta la zona, hanno ritrovato il furgone Iveco abbandonato sulla strada provinciale 54, nell’agro di Taviano. Dentro c’erano due slot e il cambio monete, tutti ancora integri, mentre all’esterno, per terra, altre due slot, in parte aperte. E dentro ancora soldi, per 945 euro.

A conti fatti, i ladri dovrebbero essere riusciti a portare via sui 950 euro, a fronte di un bottino che sarebbe stato ben più ragguardevole, se solo fossero state scardinate tutte le apparecchiature. Qualcosa, insomma, potrebbe averli disturbati, obbligandoli alla fuga repentina con qualche veicolo “pulito” a meno di metà dell’opera. Le indagini, affidate ai carabinieri della compagnia di Gallipoli, ora proseguono con l’acquisizione dei filmati delle telecamere dell’area di servizio.  

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vetrata del bar sfondata: incetta di slot, ma i ladri lasciano il grosso del bottino

LeccePrima è in caricamento