Giallo a Torino: padre e figlia originari del basso Salento trovati senza vita

La macabra scoperta, avvenuta nella mattinata di mercoledì, è toccata alla moglie e madre delle vittime, originarie di Melissano. I corpi nell'appartamento di Mirafiori

Foto da TorinoToday

MELISSANO – E’ giallo sulla scoperta toccata a una donna in zona Mirafiori, a Torino. Padre e figlia, lui originario di Melissano, sono stati trovati senza vita nell’appartamento di via Negarville. Si tratta di Gino Vito Leone, di 72 anni e di sua figlia Roberta, di 41. Operaio in pensione lui – dapprima della Fiat, poi delle Ferrovie dello Stato -impiegata in una cooperativa sociale lei. 

Intorno alle 8 del mattino, è stata la terza componente della famiglia a rinvenire dapprima il cadavere del marito, poi della propria figlia. La donna, in stato di choc, ha allertato in un primo momento un parente, per poi chiedere l’intervento dei soccorsi. Ma per l’anziano e la 41enne  non vi era ormai nulla da fare: entrambi erano senza vita. Gli operatori del 118, sopraggiunti assieme al personale medico, hanno infatti potuto constatare il decesso, senza che vi fosse la possibilità di intervenire.

Le indagini sono state subito avviate dai carabinieri del capoluogo piemontese, intervenuti assieme al medico legale e al pm Manuela Pedrotta. Saranno le autopsie sui corpi di padre e figlia a stabilire che cosa sia avvenuto al momento del decesso. L’uomo soffriva da tempo di una patologia, ma la sua morte non giustificherebbe quella della figlia. E’ mistero su questa tragedia familiare, toccata a persone che da circa una quindicina di anni si erano stabilite in quel quartiere e che avevano subito un altro grave lutto, perdendo la figlia minore diverso tempo addietro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento