rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Il giudice Michele Toriello lascia il tribunale di Lecce. Spicca il volo per la Cassazione

Il noto magistrato leccese da domani prenderà servizio presso l’ufficio Massimario e del Ruolo. E’ risultato vincitore, con altri otto colleghi, del bando al quale hanno partecipato cento magistrati di tutta Italia

LECCE - Ha prestato servizio alla giustizia salentina per sedici anni, ricoprendo prima funzioni dibattimentali, poi di giudice per le indagini preliminari e per l’udienza preliminare nel tribunale di Lecce.

Ora, però, Michele Toriello, leccese di 51 anni, ha lasciato la sua stanza al quinto piano del Palazzo di viale Michele De Pietro e ha preso il volo per Roma, dove a partire da domani lavorerà per la Corte di Cassazione. E’ entrato nell’ufficio del Massimario e del Ruolo che si occupa dell'analisi sistematica della giurisprudenza di legittimità, con l’obiettivo di creare le condizioni di un'utile e diffusa informazione, neil-giudice-michele-toriello-2-2-2cessaria per il migliore esercizio della funzione della stessa Corte.

Il giudice, figlio di Francesco, già presidente di sezione presso la Cassazione e procuratore generale presso la Corte d’Appello di Lecce, è risultato vincitore insieme ad altri otto colleghi del bando al quale hanno partecipato circa cento magistrati di tutta Italia.

Lungo e ricco il suo curriculum, iniziato con l’entrata in magistratura nel dicembre del 1997 e il primo incarico nella Procura di Crotone, dove è rimasto fino all’aprile del 2005, per poi rientrare nella sua città.

Tra i casi di maggiore clamore mediatico di cui si è occupato, ci sono il massacro della giovane coppia di fidanzati, Eleonora Manta e Daniele De Santis, nel loro appartamento di via Montello a Lecce, nell’ambito del quale ha disposto l’arresto dell’assassino Antonio De Marco e lo ha mandato a processo, e l’ordinanza di custodia cautelare in merito al procedimento sulla sofisticazione dei vini denominata “Ghost Wine”.

Tra le principali pubblicazioni di Toriello: “Produzione e traffico di sostanze stupefacenti. Il nuovo assetto del reato e le implicazioni processuali e sostanziali” (Giuffrè Editore).

Lascerà nel Palazzo un vuoto profondo, non solo tra i colleghi, ma anche tra gli avvocati e il personale di cancelleria. A questo professionista raro per competenze e capacità, associate a una grande umiltà e a una spiccata sensibilità, un grosso in bocca al lupo dalla redazione di Lecceprima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giudice Michele Toriello lascia il tribunale di Lecce. Spicca il volo per la Cassazione

LeccePrima è in caricamento