Gommone alla deriva al largo di Leuca, salvati otto migranti. Arrestato presunto scafista

E' stata una lunga nottata di lavoro per i militari della guardia costiera, impegnati in un'intensa attività di ricerca e di soccorso. Dopo circa sei ore di ricerche, una motovedetta ha intercettato con l'ausilio del velivolo della guardia costiera, un gommone con a bordo otto migranti

LECCE – E’ stata una lunga nottata di lavoro per i militari della guardia costiera, impegnati in un’intensa attività di ricerca e di soccorso. Poco dopo la mezzanotte, infatti, è giunta alla sala operativa di Gallipoli, attraverso il numero “112” europeo dei carabinieri di Maglie, una richiesta di soccorso da parte di un’imbarcazione in difficoltà a circa 20 miglia nautiche ad est del Capo di Leuca, con a bordo 9 persone.

Immediatamente sono state attivate le procedure di soccorso previste dal piano nazionale Sar, coordinate dalla guardia costiera di Gallipoli e dal centro secondario di soccorso marittimo di Bari , che hanno visto impegnate a lungo raggio due motovedette partite da Otranto e da Santa Maria di Leuca e, successivamente, anche un velivolo Atr 42 partito dalla base del terzo nucleo aereo guardia costiera di Pescara.

Nelle operazioni di soccorso sono state coinvolte anche alcune unità mercantili in transito, localizzate grazie ai sistemi di localizzazione navale in possesso alla capitanerai di porto. Dopo circa 6 ore di ricerche, la motovedetta Cp 886 ha intercettato con l’ausilio del velivolo della guardia costiera, a circa 20 miglia nautiche ad est del Capo di Leuca, un gommone di colore giallo e grigio con a bordo 8 migranti (tra sei presunti cittadini di nazionalità siriana e due cittadine di nazionalità bulgara) ed un cittadino italiano.

Dopo essersi sincerati delle condizioni di salute degli occupanti il gommone, i militari hanno proceduto al rimorchio del natante nel porto di Leuca dove, dopo aver svolto tutti gli accertamenti di rito, e su disposizione dell’autorità giudiziaria, hanno proceduto all’arresto del cittadino italiano ed al sequestro del natante.

L'arresto è stato eseguito con l'ausilio degli agenti della squadra mobile di polizia *. In manette è finito, con l'accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, Giuseppe De Lorenzis, 50enne tarantino, trovato alla guida del natante. Nei confronti del 50enne, con numerosi precedenti penali, è stato eseguito un provvedimento di carcerazione per l’espiazione della pena di un anno ed otto mesi di reclusione per il reato di evasione, emesso dalla Corte di Appello di Taranto. L’imbarcazione, e i due cellulari in possesso dell’uomo, sono stati sottoposti a sequestro.

* Errata corrige: squadra mobile e non commissariato di Gallipoli, come riportato in un primo momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento