rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Guagnano / Piazza Maria SS. del Rosario, 13

In fiamme nella notte autocarro di una coppia di venditori di dolciumi, atto doloso

È il secondo episodio in meno di una settimana a Guagnano. Domenica scorsa era accaduto al veicolo di un fruttivendolo. L'incendio, in via Mascagni, domato dai vigili del fuoco. Sul posto i carabinieri della stazione locale per le indagini. Acquisiti alcuni filmati di videosorveglianza

GUAGNANO – E sono due. Due autocarri di commercianti in fiamme nell’arco di meno di una settimana a Guagnano. Se alle prime ore di domenica scorsa era andato distrutto il mezzo di un fruttivendolo 46enne del posto, poco prima dell’alba di oggi sorte simile è toccato al veicolo di una coppia di venditori di dolciumi.

L’unica differenza è che questa volta il danneggiamento ha riguardato la sola parte anteriore del mezzo, in sostanza la cabina. Ma poco cambia. Il problema è il gesto. Sì, perché se nell’episodio precedente le cause non erano state chiarite – il dolo era solo sospettabile, visto soprattutto l’orario notturno –, questa volta non sembrano esservi dubbi sul fatto che a innescare il rogo sia stata mano umana.

Esattamente come per domenica scorsa, anche questa volta l’incendio è divampato intorno alle 4, un orario in cui solitamente le vie sono del tutto deserte. Il mezzo, un Fiat Om 40, era parcheggiato in via Pietro Mascagni. Quando qualcuno s’è accorto dell’incendio, sono stati subito chiamati i vigili del fuoco che, arrivati dal distaccamento di Veglie, hanno domato le fiamme. Avevano attecchito, come anticipato, sulla parte anteriore del mezzo. Per il primo intervento sono intervenuti i carabinieri della sezione radiomobile di Campi Salentina, mentre accertamenti e indagini successive sono state delegate ai militari della stazione locale.   

Proprietaria del mezzo è una donna di 42 anni che, con il marito, 48enne, esercita il mestiere di vendita ambulante di dolciumi. Onesti lavoratori che non hanno mai avuto un guaio con la giustizia. All’inizio, le cause erano incerte. Ma per fortuna nelle vicinanze vi sono alcune videocamere dalle quali si evincerebbero elemento tali da indicare in modo inequivocabile un atto doloso.

Stessa ora, le 4 di notte, pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, episodi peraltro avvenuti nell’arco di 300 metri l’uno dall’altro (l’incendio di domenica scorsa era stato nella vicina via Wolfgang Amadeus Mozart. Fatti collegabili? Qualcuno sta prendendo di mira i commercianti della zona? Solo alcune delle ipotesi al vaglio degli investigatori. Al momento, infatti, il movente non è ancora stato accertato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In fiamme nella notte autocarro di una coppia di venditori di dolciumi, atto doloso

LeccePrima è in caricamento