Guanti e arnesi per lo scasso, preso in fuga dopo il tentativo di furto in casa

Gli agenti delle volanti di polizia hanno fermato un 65enne. Un cittadino ha chiamato il 113 notandolo mentre cercava di forzare una persiana in via Palma, non lontano da viale Marche. Due pattuglie hanno bloccato le vie di fuga. Riuscito invece un furto di pannelli fotovoltaici in via Adriatica

LECCE – Quando si dice che l’abito non fa il monaco. Nonostante i suoi 65 anni di età e un’apparenza rispettabile, Franco De Riccardis, leccese, è un personaggio ben noto alle forze dell’ordine che, alle prime ore di oggi, ha cercato di rinverdire i fasti di un tempo, con tanto di arnesi del mestiere: guanti, punteruolo e quant’altro.

Deve però aver fatto rumore, tanto che qualcuno con il sonno leggero si è accorto della sua presenza, in via Giovanni Camillo Palma, non lontano da viale Marche, segnalandone i movimenti alla centrale operativa della questura. Stando a quanto raccolto dall’operatoe del 113, infatti, un uomo stava cercando di forzare la persiana di un’abitazione.

DE RICCARDIS Franco-2Due volanti si sono fiondate su posto indicato, bloccando le possibili vie di fuga. E quando De Riccardis s’è accorto della loro presenza, era ormai tardi. Ha tentato di fuggire a piedi, ma i poliziotti l’hanno bloccato, per condurlo in questura. Perquisito, addosso aveva ancora vari arnesi per lo scasso e un paio di guanti in pile.

Sentito il magistrato di turno, l’uomo è stato tratto in arresto per il reato di tentato furto aggravato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre alle prime luci dell'alba di oggi, è stato scoperto anche un furto, questa volta consumato. Ignoti sono riusciti a entrare in un campo fotovoltatico di via Adriatica, in località Masseria Caputa (lungo la strada per Torre Chianca), smontando e portando via circa cinquanta pannelli di una società privata. Si tratta dell'ennesimo episodio di questo tipo. Una vera e propria escalation che sta avendo un picco, nelle ultime settimane, proprio fra capoluogo e comuni limitrofi. Segnale che forse, ad agire, è sempre la stessa banda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento