Cronaca Piazza Sant'Oronzo

Un enorme fiocco nell'Anfiteatro per ricordare importanza del test Hiv

In occasione della Giornata mondiale per la lotta all'Aids iniziativa della Lila: ogni anno sono circa 4mila i nuovo casi registrati e oltre 50mila le persone che ignorano di aver contratto il virus. Se diagnosticato in tempo, le aspettative di vita non cambiano

LECCE – In Italia sono 50mila le persone che, secondo la stima dell’Istituto Superiore di Sanità, hanno contratto il virus dell’Hiv, ma che ancora non lo sanno perché non si sono sottoposte al test.  E sono circa 4mila i soggetti colpiti ogni anno.

“A trent'anni dall'inizio dell'epidemia da Hiv – ha commentato la presidente della Lega italiana per la lotta all’Aids, Viviana Bello - sappiamo che l'infezione può essere prevenuta, diagnosticata e controllata. Il problema è lo scarso ricorso al test e, conseguentemente, le diagnosi tardive. Molte persone che hanno avuto rapporti sessuali a rischio evitano di fare il test per paura di un eventuale esito positivo”.

E questa mattina, i volontari della Lila e delle altre associazioni e sigle – Link Coordinamento Universitario, Associazione Liberamente e Apertamente, La Rivolta Records, TTevents e Officine della Fotografia - che hanno aderito alla Giornata mondiale di lotta all’Aids hanno steso nell’Anfiteatro Romano di Lecce un telo rosso, simbolo dell’impegno contro la sindrome da immunodeficienza acquisita e in solidarietà alle persone sieropositive, ancora oggetto di pregiudizi e discriminazione. Per il Comune di Lecce era presente l’assessore ai Lavori Pubblici, Gaetano Messuti.

“Queste giornate – ha proseguito Viviana Bello - dovrebbero aiutarci a far capire che scoprire di essere sieropositivi non è più una condanna a morte. Infatti: chi scopre per tempo di aver contratto il virus dell'Hiv e si sottopone regolarmente alle terapie, ha aspettative di vita comuni a una persona sieronegativa e probabilità minime di ammalarsi di Aids nonché di trasmettere il virus ad altre persone”.

Le iniziative nel mese di dicembre.

Durante il mese di dicembre sono in programma differenti iniziative organizzate da Lila – Lecce insieme ad “amici” che sposano la causa di sensibilizzazione e di lotta all’Aids. Il primo appuntamento è “Lasciapassare la prevenzione!” il 3 e il 10 dicembre: un ciclo di incontri informativi e di sensibilizzazione all'interno di centri Sprar della Provincia di Lecce sul tema delle malattie sessualmente trasmesse con l'obiettivo di facilitare l'accesso ai servizi di salute e prevenzione dei migranti. Durante gli incontri si prevede la distribuzione di profilattici e materiale informativo.

L’11, 12 e 13 dicembre Lila – Lecce partecipa al Salento LGBT Film Fest - salentorainbowfilmfest.com (rassegna cinematografica a tematica LGBT, organizzata dall'associazione LeA – Liberamente e Apertamente c/o le Manifatture Knos) con un banchetto informativo per diffondere l’informazione sui temi Hiv-Aids e sensibilizzare gli intervenuti alla prevenzione, mediante la distribuzione di cartoline informative, materiale di profilassi e gadget solidali.

Gli incontri continuano con alcune iniziative di raccolta fondi; il 15 dicembre presso l’Ammirato Culture House, in occasione del secondo appuntamento del Club dell'Ascolto, si svolgerà il “Mercatino del buon usato”, mentre venerdì 18 dicembre, presso il bar Sette di Sette, si terrà un aperitivo solidale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un enorme fiocco nell'Anfiteatro per ricordare importanza del test Hiv

LeccePrima è in caricamento