Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

I Blues divorziano da Mourinho. Ed è caso nazionale

Football in UK: persino il primo ministro inglese storce il muso di fronte alla cacciate del tecnico portoghese. Vulcanico e vincente, non resterà però a lungo disoccupato

Dalla redazione di Londra

ESONERO

Negli ultimi giorni si rincorrono sui giornali inglesi notizie sul licenziamento di Jose Mourinho e del suo futuro lontano da Stamford Bridge. Alla fine il ricchissimo petroliere russo Roman Abramovich, proprietario della squadra di calcio londinese del Chelsea, ha esonerato l'allenatore portoghese Jose Mourinho. In un breve comunicato stampa la dirigenza del Chelsea Fc dichiara che la società e l'allenatore hanno raggiunto di comune accordo la decisione di non proseguire con il rapporto di lavoro. Nonostante ciò, i mezzi di comunicazione inglesi sembrano abbastanza sicuri che il portoghese otterrà 25 milioni di sterline (circa 37 milioni di euro) come buonuscita. L'accaduto ha suscitato le ire dei tifosi dei "Blues", i quali si sono presentati numerosi presso lo stadio Stamford Bridge per protestare contro la decisione del direttivo del Chelsea Fc al per far rivedere le proprie decisioni e richiamare Mourinho a sedere sulla panchina della loro squadra del cuore.

ROMAN Vs JOSE

Ormai era da oltre un anno che i rapporti tra proprietario e manager si andavano deteriorando. Nell'estate del 2006 i due ebbero un'accesa discussione quando il miliardario siberiano decise di acquistare dal Milan, per la cifra record di 45 milioni di euro, Andriy Shevchenko. Un acquisto non desiderato dall'allenatore in quanto avrebbe rotto gli automatismi di una squadra ben organizzata e vincente. Inoltre Abramovich ha una vera e propria ossessione per vincere la Champios League. Il russo ha appena reso pubblico che vuole vincere almeno due Champions in dieci anni per creare una dinastia europea ed affermarsi come il team più forte del mondo. Mourinho ha sempre fallito in questa competizione da quando è alla guida del Chelsea, venendo eliminato dal Liverpool per ben due volte ed una volta dal Barcellona. La falsa partenza di quest'anno con un misero pareggio raccolto in casa contro il modesto Rosenborg norvegese è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. I bookmaker del regno Unito (https://www.paddypower.com)si sono già scatenati aprendo le scommesse su chi sarà il prossimo allenatore del Chelsea, che vede il francese Deschamps e l'olandese Hiddink in pole position. Nel frattempo Avram Grant, director of football, prenderà il posto di Mourinho probabilmente su base temporanea.

LE REAZIONI

Il portoghese è amato dai tifosi dei "Blues" in quanto è stato lui a vincere il campionato inglese per ben due anni di fila dopo un'astinenza durata 50 anni. Inoltre, prima di approdare a Londra aveva conquistato in campo europeo una Champions League ed una Coppa Uefa, entrambi con il Porto. Mourinho in questi tre anni, non si è rivelato solo un ottimo allenatore, ma soprattutto un uomo carismatico con una mentalità vincente che ha saputo trasmettere ai suoi giocatori. I tifosi del Chelsea hanno sempre avuto rapporti speciali con gli allenatori dei propri beniamini, c'è chi ancora rimpiange Gianluca Vialli e persino Claudio Ranieri il quale non fu in grado di vincere alcun titolo con i Blues, ma che ha lasciato tra i supporter del Chelsea un ottimo ricordo come persona professionale ed onesta. Però il rapporto con Mourinho era molto più intimo, frequenti erano le scenette come quando un tifoso dalla gradinata gli chiese che fine avesse fatto Shevchenko e lui rispose mimando uno swing come se l'attaccante ucraino si trovasse su un campo da golf. Gareth è di Brighton, ma è sempre stato un fedele tifoso del Chelsea e ci racconta che è molto triste veder partire l'uomo che ha portato stile carisma, audacia e fascino nella sua squadra del cuore. Un altro tifoso dei Blues che tra l'altro lavora presso il Chelsea Megastore di Stamford Bridge in Fulham Broadway ci dice che in passato la società si era data la zappa sui piedi in più di una circostanza, ma che questa volta hanno esagerato. Alle voci dei tifosi si aggiunge persino quella del primo ministro inglese, Gordon Brown, che dal numero 10 di Downing Street dichiara che Mourinho oltre ad essere un ottimo allenatore con una serie impressionante di trofei vinti è anche una delle figure più interessanti del gioco.

JOSE LO SHOWMAN


Gli inglesi amano i sondaggi e le classifiche. Alcune settimane fa sono stati pubblicati i nomi dei 50 giocatori più fallosi e le 50 peggiori offese proferite da sportivi, classifica capeggiata dal nostro Marco Materazzi per le parole pronunciate nei confronti Zidane durante la finale di Coppa del Mondo. Adesso i tabloid inglesi hanno iniziato una raccolta delle frasi più eclatanti del simpatico Jose, il quale durante la conferenza stampa di presentazione come nuovo allenatore del Chelsea tre anni fa, si presentò come "The Special One", ovvero, un tipo speciale. Da allora l'estroso manager portoghese ha sfoderato una serie di frasi esilaranti come la recentissima "It is omelettes and eggs. No eggs - no omelettes! It depends on the quality of the eggs" , paragonando la sua squadra ad una frittata e i suoi giocatori a delle uova si lamentava dell'assenza dei suoi uomini più talentuosi, causa infortunio, per allestire una squadra competitiva. Non sappiamo se Jose tornerà presto ad allenare, ma siamo sicuri che non rimarrà a lungo disoccupato, le televisioni inglesi già lo reclamano. E lui che ama le luci del palcoscenico, e può già annoverare nel suo curriculum la partecipazione come protagonista di un noto spot televisivo, non si farà certo pregare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Blues divorziano da Mourinho. Ed è caso nazionale

LeccePrima è in caricamento