rotate-mobile
Cronaca Melendugno

I carabinieri gli fanno “visita” e trovano stupefacenti di ogni tipo

In manette per detenzione ai fini di spaccio è finito Marco Falbo, coinvolto in passato nel processo agli ultras sui disordini nello stadio di via Del Mare. Sequestrati: 10 grammi di cocaina, 75 di hashish e 4 di marijuana

MELENDUGNO - Coinvolto come imputato nel processo agli ultras sui disordini nello stadio di via Del Mare, stavolta Marco Falbo, 31 anni, di Lecce, ma domiciliato a San Foca (marina di Melendugno), è finito in carcere ma per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ad arrestarlo, sono stati ieri i carabinieri della sezione radiomobile di Lecce, all’esito di una perquisizione mirata nella sua abitazione, dove vive con una ragazza, risultata però completamente estranea ai fatti. In particolare, a costargli le manette ai polsi sono stati: 10 grammi di cocaina, 75 di hashish pakistano considerato tra quelli di ottima fattura e tra i più costosi, e 4 di marijuana. Oltre alla droga, i militari hanno sequestrato anche materiale ritenuto utile per il confezionamento delle dosi.

Dell’accaduto è stato informato il magistrato di turno, il sostituto procuratore Luigi Mastroniani, che ha disposto il trasferimento in carcere dell’indagato. E’ atteso per le prossime ore, l’interrogatorio di convalida davanti al gip. A difendere Falbo, ci penserà l’avvocato Giuseppe Luchena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri gli fanno “visita” e trovano stupefacenti di ogni tipo

LeccePrima è in caricamento