Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

I vigili del fuoco salvano due cani caduti in pozzo scoperto profondo 25 metri

Non è chiaro se le due povere bestie siano state gettate o siano finite lì dentro in modo accidentale. La cisterna, nei campi di Copertino, non aveva copertura. Sul posto i pompieri del distaccamento di Gallipoli e del nucleo Saf. Un cane aveva una tibia fratturata

Foto di repertorio.

COPERTINO – Come siano finiti là dentro, non si sa. Può darsi che dietro vi sia la mano crudele di un umano, o più semplicemente che uno sia caduto accidentalmente e l’altro abbia cercato di soccorrerlo, finendo a sua volta per rischiare di morire.

Forse non si saprà mai se siano precipitati per caso, o se siano stati gettati o addirittura adagiati sul fondo, ma la storia è comunque a lieto fine, perché i due malcapitati meticci caduti in un pozzo in zona Masseria Garzuto, nelle campagne fra Copertino e Santa Barbara, frazione di Galatina, sono stati salvati dai vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli e del nucleo Saf, questi ultimi giunti appositamente da Lecce.

I due cani sono un maschio e una femmina. Nessuno ha il microchip e la femmina è stata trovata anche con la tibia destra fratturata. E’ quindi stato necessario l’intervento di un veterinario. Una ditta fatta intervenire appositamente li ha poi trasportati presso il canile comunale di Copertino.

La loro buona stella ha voluto che questa mattina alcuni ragazzi che stavano facendo un’escursione in quella zona di campagna abbiano sentito i latrati delle due povere bestie, intuendo da dove provenissero. Non hanno però potuto fare niente, perché il pozzo in questione è veramente profondo, almeno 25 metri.  

C’è stato quindi bisogno dell’intervento dei vigili del fuoco. Uno di loro s’è dovuto calare all’interno per ben due volte con una corda, per imbracare prima un cane e poi l’altro e riportarli alla luce. Sul fondo di quella cisterna, rivestita di cemento, c’erano anche ossa di altri animali, segno che nel tempo diversi sono stati lanciati o comunque sono caduti in quella pericolosa voragine, con un parapetto di appena 50 centimetri, senza alcuna copertura. E che quindi è stato messo in sicurezza, tanto più che lì dentro ci sarebbe potuto finire chiunque, provocando una tragedia.

L’area è privata, ma si può accedere facilmente perché non vi sono muri o cancelli. Da questo punto di vista il proprietario rischia conseguenze. Sono stati interessati gli agenti di polizia locale e i carabinieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vigili del fuoco salvano due cani caduti in pozzo scoperto profondo 25 metri

LeccePrima è in caricamento