Cronaca

Il dramma in mare si ripete. Lui muore, lei si salva

Prima una donna rumena, poi un uomo di Casarano di 43 anni. A Marina di Pescoluse, due malori in un breve lasso di tempo. Il primo è finito in tragedia, nonostante i soccorsi e la corsa in ospedale

ambu-7

MARINA DI PESCOLUSE (Salve) - Non si conoscevano. Diversi per età, per sesso, per provenienza. Eppure il mare di Pescoluse li stava per accomunare in una tragica fatalità. Lui di 43 anni, di Casarano, lei 74 anni, rumena, in vacanza, probabilmente per trovare la figlia. Le onde se li sono presi, all'improvviso, in due punti diversi ma vicini del litorale, poco dopo l'uno dall'altra. Li hanno restituiti quasi esanimi ma l'epilogo non è stato il medesimo: l'uomo è morto, la donna è stata salvata in tempo.

Non era poi così mosso, ma c'era una corrente insidiosa che potrebbe aver contribuito alla tragedia. Il condizionale è comunque d'obbligo perché la causa del decesso pare essere stato un malore.

L'atto più drammatico, quello peggiore, del triste pomeriggio si è consumato quando Fernando Giannuzzi si è tuffato, al largo dello stabilimento "Le Maldive", da una barca sulla quale era con la famiglia, si è allontanato, pare con un materassino, ma non è più tornato indietro. Notato da alcuni bagnanti, è stato raccolto da un'altra imbarcazione, trasportato a riva dove intanto era giunto il personale medico che ha provato a lungo il massaggio cardiaco al quale l'uomo in qualche modo ha risposto. Ma la corsa verso l'ospedale di Tricase è servita a poco, visto che l'uomo è spirato poco dopo. Le indagini necroscopiche chiariranno le cause del decesso.

Su una spiaggia poco distante, ma davanti allo stesso specchio d'acqua, si era fermata invece Florea Csicsely, la 74enne rumena, per una giornata di mare in compagnia della figlia. Verso le 16 - dunque due ore prima dell'altro episodio, la donna è entrata in acqua, pur non sapendo nuotare. Evidentemente la corrente l'ha risucchiata, poco a poco, creando improvvisamente una situazione di panico. Anche in questo caso, ci sono stati subito i soccorsi da parte dei presenti che sono riusciti a strappare in tempo la donna da una sorte che pareva segnata. Fondamentale il contributo di un cane di razza Terranova della Protezione civile. E il bilancio sarebbe potuto essere peggiore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dramma in mare si ripete. Lui muore, lei si salva

LeccePrima è in caricamento