Il lungo inverno di Torre San Giovanni: tra furti, vandalismo e devastazione

Furti, devastazione e vandalismo. Sono le emergenze con cui d'inverno devono fare i conti i proprietari di alcuni immobili a Torre San Giovanni, marina di Ugento. I proprietari degli immobili che ricadono nel comparto 13, nei pressi del palazzetto dello sport, a Torre San Giovanni, sono stanchi

UGENTO – Furti, devastazione e vandalismo. Sono le emergenze con cui d’inverno devono fare i conti i proprietari di alcuni immobili a Torre San Giovanni, marina di Ugento: “Durante l’inverno noi siamo nei nostri Comuni di residenza e le nostre case lì, incustodite – spiegano i cittadini –. Non sappiamo che cosa accada, di notte e di giorno. Sappiamo solo che quando suona l’allarme, alle 4 del mattino, mentre saliamo in macchina per raggiungere Torre San Giovanni, lo facciamo preparandoci alla peggiore delle notizie. E a trovare la nostra casa senza cucina, senza tv, perfino senza infissi”.

I proprietari degli immobili che ricadono nel comparto 13, nei pressi del palazzetto dello sport, a Torre San Giovanni, marina di Ugento, sono stanchi. Già da tempo lamentano la scarsa sicurezza che si vive nella marina ugentina, ma negli ultimi anni la situazione sembra diventata insostenibile. I furti e gli atti vandalici, a volte compiuti al solo scopo di arrecare danno, non si contano più, vista la frequenza con cui si verificano. Praticamente nulli i controlli da parte delle forze dell’ordine.

“Abbiamo segnalato più volte al Comune di Ugento la nostra preoccupazione – dicono – ma tutto è rimasto come sempre. Non ci sentiamo protetti”. Eppure su quegli appartamenti, i proprietari versano regolarmente le tasse al Comune, e tra queste l’Imu come seconda casa che, sottolineano, è tutt’altro che “leggera”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non meritiamo almeno di essere presi in considerazione?”, chiedono. E è difficile non comprendere questo grido d’aiuto. Anche perché i primi effetti di tutto questo cominciano a farsi vedere: molti proprietari, soprattutto quelli residenti all’estero, stanno valutando l’opzione di vendere gli appartamenti, perché scoraggiati dalle continue spese sostenute, per montare grate, sistemi antifurto o semplicemente per riparare i danni subìti di volta in volta. La sensazione è che, per quante segnalazioni si possano fare, esse rimangano senza ascolto. Del resto, i cassonetti della spazzatura sempre pieni, i pneumatici riversati lì dalla scorsa estate e mai rimossi, la piazzetta rionale abbandonata all’incuria, sono la dimostrazione che, volente o nolente, il comparto 13 non è proprio tra le priorità dell’Amministrazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento