Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca Centro / Via Giacomo Leopardi

Il furto nell'edicola non riesce e così vi ritorna, ma lo aspetta la polizia

Un 45enne denunciato a Lecce. E intanto, ampliati i controlli in città. Sequestro di generi dentro un negozio di alimentari

Foto di repertorio.

LECCE – L’assassino torna sempre sul luogo del delitto, specialmente se la prima volta non è riuscito a commetterlo” (Groucho, assistente di Dylan Dog, nell’albo “La scogliera degli spettri”, Sergio Bonelli Editore).

Non si sta parlando di un omicidio, per fortuna, né di un fumetto horror, proprio come quello che vede protagonista l’indagatore dell’incubo partorito dalla mente di Tiziano Sclavi, ma la battuta scaturita da una celebre massima si presta a pennello alla storia in questione, avvenuta a Lecce. Dove un 45enne della provincia, appunto, non essendo riuscito la prima volta a compiere il delitto, è ritornato sulla scena: l’edicola di viale Leopardi.

Il tentativo di furto...

Nei giorni scorsi la proprietaria ha chiamato la polizia per denunciare il tentativo di manomissione dei fili che collegano il quadro elettrico delle telecamere del circuito di videosorveglianza, con tanto di danneggiamento della porta del chiosco: evidente il segno d’effrazione. Le immagini hanno permesso di immortalare il soggetto in modo piuttosto nitido. Gli agenti hanno pensato che l’uomo probabilmente sarebbe tornato di lì a poco per riprovarci, così hanno iniziato a sorvegliare la zona con discrezione.

...e  il ritorno sulla scena

Tant’è che qualche giorno dopo, l’uomo è stato effettivamente notato di nuovo nelle vicinanze. Riconosciuto, è stato fermato dalle volanti di polizia. Controllato, aveva in tasca anche un coltello. Si presume, l’oggetto usato in precedenza per provare a forzare la porta. Così, si è beccato due denunce: per tentato furto e possesso di arma bianca.       

E intanto, più controlli in città

Intanto, anche ieri sera, è sceso in campo del dispositivo voluto dal questore di Lecce per rafforzare i controlli in città. Obiettivo: porre un argine proprio ai furti, ma anche al fenomeno della prostituzione e all’immigrazione clandestina. Sul campo, agenti delle volanti, della polizia amministrativa e sociale e del reparto prevenzione crimine.

Uno dei punti caldi battuti, quello della stazione ferroviaria. Qui i poliziotti hanno controllato quindici persone. Di queste, sette avevano precedenti penali. Due fra loro sono stati trovati in possesso di marijuana per circa 3 grammi e segnalati al prefetto per uso personale di stupefacenti. Uno è stato anche proposto per il foglio di via obbligatorio, risultando residente in provincia di Salerno e avendo a proprio carico numerosi precedenti di polizia.

Polizia anche in salumeria e bar

Ancora: è stato controllato un negozio di generi alimentari di via Marinosci. Qui, si sono recati i poliziotti della divisione Pas. I quali hanno riscontrato alcune irregolarità amministrative, tra le quali la vendita di alimenti scaduti, che sono stati sequestrati. All’interno del stesso locale sono stati controllati anche dieci avventori, di cui ben otto con precedenti penali. Uno di loro è stato proposto per la misura di prevenzione dell’avviso orale. I controlli si sono estesi anche a un bar di viale Japigia. Dentro c’erano 31 avventori, quattro dei quali con precedenti di polizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il furto nell'edicola non riesce e così vi ritorna, ma lo aspetta la polizia

LeccePrima è in caricamento