Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Il Garante sanziona la Regione su privacy dei disabili

Notizie personali su disabili visibili sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia: il garante per la privacy non ci sta e chiede la rimozione dell'informazioni. E per l'ente arriva anche la multa

BARI - Il Garante per la privacy interviene a tutela dei disabili e bacchetta la Regione Puglia, orinandole la definitiva rimozione delle informazioni sulla salute di oltre 4.500 diversamente abili ancora pubblicate sul Bollettino ufficiale e sul sito istituzionale dell'ente locale. È stato inoltre avviato nei confronti dell'ente regionale un procedimento sanzionatorio, che dovrebbe prevedere il pagamento di una somma, che oscilla da un minimo di 40 mila euro ad un massimo di 240 mila euro.

In buona sostanza, delle informazioni piuttosto delicate sulla salute di un elevato numero di persone, di cui era stata richiesta la rimozione da un precedente divieto del Garante, continuavano ad essere presenti nelle pagine del sito istituzionale della Regione.

Dagli accertamenti effettuati, sarebbe emerso che fossero consultabili on line, sul Bollettino ufficiale regionale, le graduatorie dei disabili beneficiari di un contributo per l'acquisto di un personal computer; ma la questioni più personali erano quelle poste a fianco dei nomi e cognomi dei richiedenti, con l'immediata associazione e visibilità in rete delle rispettive patologie, con annesso codice fiscale, comune di residenza e dati anagrafici, integralmente individuabili mediante la trasposizione del documento da "pdf" in "word".

Nell'assumere questa decisione e nell'ordinare, dunque, la rimozione dei dati sanitari, l'Autority ha inteso ribadire che sia sempre vietato diffondere informazioni sulla salute, prescrivendo alla Regione Puglia il compito di conformare la redazione dei Bollettini ufficiali alla normativa privacy. Copia degli atti, inoltre, è stata trasmessa all'autorità giudiziaria per la valutazione di eventuali illeciti penali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Garante sanziona la Regione su privacy dei disabili

LeccePrima è in caricamento