“Il mare da toccare”: l'Amp schiuderà le meraviglie dei fondali ai disabili

Il progetto promosso dall’Area marina protetta di Porto Cesareo e dall'associazione ‘Albatros’ intitolata al grande nuotatore Paolo Pinto. La presentazione ufficiale del corso domani a Bologna, presso l’Apnea’s Theatre – Eudishow. Nuove tecniche per permettere a tutti di fruire del mare

PORTO CESAREO – L’acqua ha generato la vita sul pianeta e forse nulla è davvero di tutti come il mare. Non tutti, però, possono goderne gli angoli più nascosti e affascinanti, i fondali pieni di meraviglie, facendosi trasportare dolcemente dalla corrente. Nasce da qui l’idea di un progetto dal titolo suggestivo, aperto alle diverse abilità: “Il mare da toccare”.

A farsene carico sono l’Area marina protetta di Porto Cesareo e ‘Albatros’ “Progetto Paolo Pinto - Albatros Scuba Blind International – Asbi”. La presentazione ufficiale avverrà domani, in un workshop tematico che si svolgerà a partire dalle 17 presso l’Apnea’s Theatre – Eudishow di Bologna Fiere, la più grande rassegna nazionale della subacquea.

Nell’ambito del progetto è previsto un protocollo di intesa per la realizzazione di un corso rivolto a istruttori, aiuto istruttori, dive master, guide operanti nella rete dei Parchi del Salento, per la formazione e l’accompagnamento di sommozzatori  non vedenti e disabili, con il rilascio della certificazione internazionale ‘Cmas disabled’.

Durante il corso si apprenderanno metodi specifici totalmente nuovi in questo campo, per consentire raggiungere particolari obiettivi subacquei e di comunicazione. Sarà una vera e propria… immersione grazie alla collaborazione di subacquei non vedenti. Il tutto è finanziato con i fondi del programma Interreg Grecia-Italia 2007/2013 e fa capo al progetto “Epa - Environmental Park”, del quale è beneficiaria la Provincia di Lecce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È un'azione fortemente voluta da tutti gli attori protagonisti del progetto, e rappresenta un grande successo perché apre i Parchi del Salento ad una fruizione libera da parte di chiunque voglia godere delle bellezze e delle ricchezze dei suoi fondali, abbattendo ingiuste ed inique barriere”, hanno commentato il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, quello dell’Amp di Porto Cesareo, Remì Calasso, e la responsabile di ‘Albatros’, Angela Costantino Pinto, moglie dell’indimenticabile Paolo Pinto, barese, nuotatore di livello internazionale, che ha stabilito molteplici record e imprese e che è venuto a mancare nel 2004. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento