Cronaca

Il Salento sul satellite con il nuovo canale studio 100

Presentato ufficialmente il nuovo canale di Studio 100, visibile dal prossimo 3 febbraio sulla piattaforma di Sky al canale 952. Peculiarità: programmazione a tutto campo e un'informazione rapida

Si chiama "Salento channel", l'ultimo figlio nella grande famiglia di Studio 100. Il tacco d'Italia: nel cuore dell'Europa per raccontare storia, tradizioni e cultura, le sue attrattive turistiche, le attività produttive, l'enogastronomia. Con Salento Channel, visibile sul bouquet di Sky al canale 952 dal prossimo 3 febbraio, i cittadini di tutta Europa potranno conoscere meglio e puntualmente lo splendido angolo d'Italia. E sì, perché la peculiarità più interessante e innovativa di questo modo di concepire la trasmissione televisiva è la configurazione nel palinsesto, orientato verso i telespettatori d'Italia e d'Europa e costituito da una serie di contenuti tematici, al cui interno si susseguono reportage d'inchiesta intervallati da appuntamenti con le notizie.

La forma di comunicazione adottata è quella tipica del redazionale televisivo: parole, musica, immagini in sequenza su uno schermo cercheranno di unire i salentini, in un unico filo rosso tracciato dalle origini. Studio 100, storica emittente televisiva nata a Taranto nel lontano 1978 fondata dall'editore Gaspare Cardamone, con la tecnica dello "splittaggio" si è rapidamente estesa nelle limitrofe province di Brindisi e Lecce. Nel capoluogo salentino, da più di due anni, è stata aperta una redazione giornalistica autonoma con un lusinghiero riscontro in termini di audience. Gli ingenti investimenti del gruppo dirigente continuano nel 2006: nasce infatti il canale satellitare Studio 100Sat, visibile anch'esso sulla piattaforma Sky al canale 925. In serata, nella suggestiva cornice del Castello Carlo V a Lecce, è stata ufficialmente presentata la new-entry nella programmazione di Studio 100. Presenti oltre ai giornalisti delle tre redazioni di Brindisi, Lecce e Taranto, anche rappresentanti del mondo politico locale, tra cui il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, il vice-sindaco Adriana Poli Bortone, il capo-gruppo all'opposizione a Palazzo dei Celestini Raffaele Baldassarre, il consigliere regionale di Forza Italia, Rocco Palese e la senatrice Maria Rosaria Manieri. In platea anche il questore di Lecce, Vittorio Ròchira e il capitano dei carabinieri Luigi Imperatore.


"Identità, competizione, promozione, le tre parole chiave", che secondo il direttore editoriale Walter Baldacconi caratterizzeranno Salento Channel. "Un mezzo, in tempi in cui la comunicazione viaggia a velocità assiderali, che servirà nel processo di recupero dell'identità territoriale, con telegiornali rapidi, durata massima quindici minuti, con un linguaggio meno duro, facilmente comprensibile", rimarca Baldacconi, "dando spazio e voce agli esperti". Arte, viaggi, eventi, notizie, fashion, la qualità dell'informazione andrà a braccetto con una pubblicità meno rapida e più ragionata. "Non più spot da trenta secondi, mordi e fuggi, stile fast-tv", conclude il direttore editoriale, "ma veri e propri mini-speciali di dieci minuti per sponsorizzare nel miglior modo possibile qualsiasi prodotto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Salento sul satellite con il nuovo canale studio 100

LeccePrima è in caricamento