"Il Tacco d'Italia" messo fuori uso dagli hacker, la solidarietà e l'allarme di Ossigeno

Dopo dieci anni di uscite ininterrotte, il giornale d'inchiesta ‪‎”il Tacco dItalia” è stato messo fuori uso da un hacker. Un attacco mirato giunto mentre il quotidiano era sotto il tiro di accuse e querele per le sue coraggiose inchieste. La notte tdel 14 ottobre il sito del giornale ha subito un cyber attacco

LECCE – Dopo dieci anni di uscite ininterrotte, il giornale d'inchiesta ‪‎”il Tacco dItalia” è stato messo fuori uso da un hacker. Un attacco mirato giunto mentre il quotidiano era sotto il tiro di accuse e querele per le sue coraggiose inchieste. Nella notte tra il 14 e il 15 ottobre il sito del giornale d’inchiesta ha subito un cyber attacco che lo ha danneggiato gravemente. Da allora la redazione non è stata in grado di inserire aggiornamenti e pertanto il giornale ha sospeso le pubblicazioni. L’attacco è arrivato mentre il giornale pubblicava notizie e inchieste che hanno esposto la redazione a forti attacchi e a querele che, come altre del passato, appaiono strumentali. La giornalista Marilù Mastrogiovanni, direttrice del quotidiano, sospetta che quello del 14 ottobre sia stato un attacco mirato e perciò ha presentato alla magistratura una denuncia contro ignoti chiedendo di identificare i sabotatori.

“Da dieci anni – commenta Alberto Spampinato, direttore e fondatore di “Ossigeno per l’informazione”, l’osservatorio permanente della Fnsi e dell’Ordine dei giornalisti sui cronisti italiani minacciati e sulle notizie oscurate con la violenza – questo piccolo giornale ha combattuto e ha vinto molte battaglie. Ha dimostrato di essere un avamposto della libera informazione in Salento. È un giornale che fa la cronaca senza peli sulla lingua, analizza criticamente i fatti nell’interesse pubblico, illumina con il giornalismo investigativo i comportamenti discutibili dei pubblici amministratori e degli imprenditori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ossigeno per l’informazione ricostruisce i fatti e le vicende che hanno interessato il Tacco nelle ultime settimane, tra cui l’archiviazione dell’ultima delle numerose querele di Tiziana Scarlino, figlia del boss di ‪Taurisano Pippi Calamita e moglie dell’imprenditore Gianluigi Rosafio; la richiesta di archiviazione da parte del PM della querela degli imprenditori Pasquale Muccio e Maria Domenica Rizzello, per l’inchiesta sulla speculazione edilizia a ‪Salve la richiesta di archiviazione da parte del PM della querela di Diego Della Valle (‪#Tods) per l’inchiesta sul caporalato industriale nel calzaturiero salentino e l'inchiesta da cui è scaturita l'indagine della Procura su Tap.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

  • Impatto micidiale, sette coinvolti: ragazza in codice rosso per dinamica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento