Il Tar boccia la Soprintendenza: non bisognerà smontare i pontili galleggianti

Accolto il ricorso el Comune di Otranto per i pontili installati nella baia portuale in prossimità dell'antico Bastione dei Pelasgi

LECCE – Il Tar di Lecce (ha accolto l’istanza di sospensiva proposta dal Comune di Otranto contro il rigetto, da parte della Soprintendenza di Lecce, dell’istanza con cui il Comune idruntino ha chiesto la revisione della prescrizione di smontaggio stagionale dei pontili galleggianti installati nella baia portuale in prossimità dell’antico Bastione dei Pelasgi. Una prima istanza di variante in tali termini era già stata respinta dalla Soprintendenza nel 2014, prima del montaggio delle strutture, sul presupposto che l’intervento proposto in variante “si configurerebbe quale opera stabile non avente i requisiti di reversibilità e stagionalità già valutati e ritenuti i soli idonei e compatibili con il contesto interessato […] e, pertanto, comporterebbe l’alterazione permanente dell’integrità visiva e della cornice ambientale dei beni tutelati”.

Approssimandosi la scadenza semestrale per il previsto smontaggio stagionale, l’amministrazione comunale ha compiuto un’analisi in merito alle conseguenze negative che le operazioni di smontaggio periodico avrebbero comportato, accompagnando l’istanza di revisione con una serie di allegati  per dimostrare i danni ben maggiori che la creazione di un cantiere semi-permanente di montaggio-smontaggio semestrale all’interno della baia avrebbe creato sul paesaggio, in termini di rumori, presenza antropica e di attrezzature, fauna, intorbidimento delle acque. Senza contare l’impossibilità tecnica di trasportare e stoccare al di fuori del porto strutture del peso e delle dimensioni dei pontili galleggianti e dello spropositato costo di circa 800 mila euro da sostenere ogni anno per le relative operazioni.

La Soprintendenza ha però respinto l’istanza di revisione, sostenendo che i rilievi sollevati dal Comune non facessero emergere “ragioni per riesaminare la questione e, pertanto, con la presente conferma la condizione di stagionalità estiva (massimo sei mesi) dei pontili galleggianti per le motivazioni già espresse”.

Ora il Tar ha dato ragione al Comune, sul presupposto che dal ricorso “sembra emergere la sussistenza, in caso di periodico smontaggio e rimontaggio della struttura, di danni alla sicurezza pubblica, all’ambiente e al paesaggio circostante (in punto di rischi della collettività conseguenti alle frequenti operazioni di montaggio/smontaggio delle strutture; di intorbidimento delle acque interessate dai lavori di montaggio/smontaggio; di impatto negativo derivante dallo stazionamento di un cantiere semi-permanente di montaggio/smontaggio; di costi economici per la collettività, da sostenersi annualmente), senza che i profili di criticità evidenziati dal Comune di Otranto siano stati posti a fondamento di un’analisi comparata di costi/benefici da parte dell’Amministrazione”; a ciò aggiungendosi il danno grave ed irreparabile “insito nelle ovvie ricadute negative, in punto di sicurezza e di tutela del paesaggio, derivanti dallo smontaggio delle strutture”. Da cui la concessione della sospensiva al Comune, con fissazione dell’udienza di discussione del merito per il maggio prossimo. Le ragioni del Comune dinanzi al Tar sono state rappresentate con successo dagli avvocati Fritz Massa e Mauro Finocchito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco Luciano Cariddi si dichiara soddisfatto per il non facile lavoro svolto dai legali difensori nel dimostrare le ragioni rappresentate dal Comune circa l’impossibilità di adempiere ad una prescrizione tanto assurda, quanto pericolosa, per il danno economico che comporterebbe al bilancio pubblico e per i sacrifici ambientali che le imposte operazioni di smontaggio-rimontaggio ogni anno comporterebbero. Il sindaco, pur felice della vittoria in questa prima battaglia al Tar, si dichiara tuttavia rammaricato per il fatto di dover essere ogni volta costretto a far valere nelle aule giudiziarie ciò che dovrebbe risolversi invece con il buon senso. La speranza – continua il Sindaco Cariddi – è che quest’ennesima battaglia persa da parte della Soprintendenza faccia rivedere da parte di qualcuno in quegli uffici le posizioni sempre e comunque contrarie nelle vicende che riguardano la città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento