Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca Via Salvatore Trinchese

Imbratta con pennarello la statua di Garibaldi nella villa comunale: denunciato 16enne

Un ragazzo è stato scoperto dagli agenti di polizia locale in città: è stato accusato di deturpamento e imbrattamento di un bene di interesse storico e artistico. Col pennarello rosso, si era inerpicato sul busto dell’Eroe dei Due mondi, nei giardini. Gli agenti di viale Rossini hanno anche eseguito un doppio sequestro di merce contraffatta

La statua danneggiata

LECCE - Una denuncia per imbrattamento della statua di Giuseppe Garibaldi e un doppio sequestro di merce contraffatta è il bilancio della polizia locale leccese. Nelle ultime ore, infatti, un gruppo di adolescenti se ne stava seduto a chiacchierare sui gradini alla base della statua nella villa Comunale. I ragazzi  sono stati notati dal personale di via Rossini che, in quegli istanti, stava pattugliando i giardini in biciletta. Hanno sorpreso, a un tratto, un 16enne arrampicato sul busto dedicato all’Eroe dei Due mondi,

Lo scorso luglio una coppia fu denunciata per atti osceni in luogo pubblico, a settembre due studenti furono sorpresi con 7 grammi di hashish, sabato mattina è stata la volta di un sedicenne trovato arrampicato in cima al busto dell’Eroe dei Due Mondi, intento ad imbrattare il monumento con un pennarello di colore rosso.photo_2015-12-13 - sequestro-2

Almeno cinque le scritte, attribuibili alla vernice del pennarello sequestrato, rinvenute sulla superficie della statua e del basamento. Il giovane è stato identificato e denunciato per deturpamento e imbrattamento di un bene di interesse storico e artistico. Doppio sequestro, invece, domenica sera su una Via Salvatore Trinchese che, come tutto il centro cittadino, pullulava di gente per la concomitanza della giornata festiva prenatalizia e della cerimonia serale per l’apertura della Porta della Misericordia.

A distanza di mezz’ora l’uno dall’altro, tra le 21,30 e le 22, il primo all’altezza di Piazza Libertini, il secondo all’altezza dell’Ex Teatro Apollo, gli agenti in servizio “Progetto sicurezza” per il contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale hanno procededuto al sequestro di giacche maschili e 12 tra borse, marsupi e borselli da uomo, tutti riportanti marchi ingannevoli di note griffe. In entrambi i casi, i giovani extracomunitari venditori ambulanti si sono dati alla fuga alla vista degli agenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imbratta con pennarello la statua di Garibaldi nella villa comunale: denunciato 16enne

LeccePrima è in caricamento