Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Porto Cesareo

Impianto di scarico delle acque tra le dune. Sequestro della capitaneria

Ancora controlli della guardia costiera a tutela dell’ambiente sul litorale di Porto Cesareo. Sigilli per un impianto non autorizzato di pertinenza di un lido

PORTO CESAREO – Ancora controlli mirarti a salvaguardare gli arenili e contrastare  gli abusi ambientali  sul tratto costiero di Porto Casareo. L’attività del personale della guardia costiera di Gallipoli e dell’ufficio circondariale marittimo di Torre Cesarea ha consentito nell’ultimo fine settimana di individuare un impianto non autorizzato per lo scarico delle acque di pertinenza di uno stabilimento del litorale cesarino.

Secondo quanto appurato e verbalizzato dai militari della Capitaneria di porto, oltre all’assenza del titolo autorizzativo, il sistema di tubazioni dell’impianto era stato realizzato sotto l’arenile ed il punto di recapito delle acque si trovava su una duna, nascosto tra la  vegetazione mediterranea cresciuta spontaneamente sulla sabbia.

A seguito delle verifiche e su diposizione della Procura di Lecce l’intero impianto, e circa milleduecento metri quadrati di duna, sono stati posti sotto sequestro. I responsabili sono stati deferiti, in concorso di colpa, all’autorità giudiziaria e a loro viene contestata la distruzione e il deturpamento di bellezze naturali, la  realizzazione di opere in assenza di permesso di costruire ed in zone sottoposte a vincolo paesaggistico e l’occupazione abusiva di aree demaniali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto di scarico delle acque tra le dune. Sequestro della capitaneria

LeccePrima è in caricamento