In casa centinaia di supporti con materiale pedopornografico, condannato

Tre anni e quattro mesi in primo grado per un uomo di 57 anni, maestro elementare, al centro di un'inchiesta partita da Roma

LECCE – Fu trovato in possesso di poco meno di mille supporti tecnologici, tra cd, dvd e hard disk contenenti del materiale pedopornografico. Per questo, con l’accusa di detenzione di materiale pedopornografico aggravata dall’ingente quantità, un uomo di 57 anni, di Trepuzzi, insegnante in una scuola elementare, è stato condannato a tre anni e quattro mesi. La sentenza è stata emessa dal gup al termine del giudizio con rito abbreviato.

Gli uomini della polizia postale sequestrarono il materiale in casa del maestro, finito agli arresti domiciliari (poi scarcerato alcuni giorni dopo). All’imputato, assistito dall’avvocato Marco Pezzuto, non è mai stata contestata la divulgazione di materiale pedopornografico (reato ben più grave). Una circostanza non comune, che rende il caso alquanto singolare. In casa del 57enne furono trovati migliaia e migliaia di supporti di ogni tipo, contenenti qualsiasi cosa, comportamento che potrebbe lasciare intravedere una sorta di disposofobia (il disturbo dell’accumulo compulsivo), come acclarato dai consulenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’inchiesta, condotta dalla Procura di Roma con l’ausilio degli agenti della polizia postale, specializzati in questo tipo di reati, vede implicate 36 persone residenti in diverse regioni e ha portato a decine di arresti. Gli indagati sono stati identificati attraverso il download di alcune file civetta o determinate ricerche nei programmi di file sharing.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento