In casa oltre 160 grammi di cocaina: 43enne condannato a due anni e 10 mesi

Emesso il verdetto nei riguardi di Errico Sinistro, finito nei guai il 7 novembre scorso, dopo che i carabinieri gli fecero “visita” nel suo appartamento, a Lecce

LECCE - Gli sono costati due anni e dieci mesi di reclusione quei 166, 60 grammi di cocaina, suddivisi in dosi, e i 16,9 di marijuana che i carabinieri trovarono durante una perquisizione nel suo appartamento a Lecce il 7 novembre scorso.

La sentenza nei riguardi di Errico Sinistro, 43enne leccese, che per questa vicenda finì ai domiciliari, dove si trova tuttora, è stata emessa oggi dal giudice per l’udienza preliminare Carlo Cazzella, al termine del processo discusso col rito abbreviato. SINISTRO ENRICO - Copia-2-2-2

Ad arrestarlo furono i militari del Nucleo operativo e radiomobile di Lecce e della stazione di Santa Rosa, che al termine dei controlli in casa dell’uomo, già noto per vicende analoghe, durante la quale i militari sequestrarono oltre alle sostanze stupefacenti anche materiale per il confezionamento. L’imputato era difeso dall’avvocato Pantaleo Cannoletta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento