In giro con l'auto del Comune senza alcuna autorizzazione, condannato

Sei mesi, pena sospesa, per un dipendente del Comune di Trepuzzi accusato di peculato d'uso. I fatti nell'agosto del 2015

LECCE – Avrebbe utilizzato un’auto comunale per scopi personali. Da qui la contestazione del reato di peculato d’uso e la condanna a sei mesi (pena sospesa) per un dipendente del Comune di Trepuzzi, assistito dall’avvocato Viola Messa.

I fatti contestati si riferiscono all’agosto del 2015. L’uomo, alla guida dell’auto di servizio, fu fermato dai carabinieri per un normale controllo da cui scaturì una contravvenzione, poi recapitata negli uffici comunali. Circostanza che ha messo in moto i controlli e le verifiche sul perché quell’auto si trovasse in quel luogo e a quell’ora. La successiva denuncia presso i militari dell’Arma, ha portato all’apertura di un fascicolo.

Da lì si è poi sviluppata l’indagine nei confronti del dipendente comunale, che ha chiesto e ottenuto di essere giudicato con il rito abbreviato. La sentenza è stata emessa dal gup Simona Panzera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento