menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In giro sulla moto, in tasca non aveva la patente, ma coltelli e cacciavite: denunciato

Nei guai un 48enne leccese, già noto, fermato in via Carlo Leo, a Lecce, dagli agenti delle volanti dopo un breve inseguimento iniziato in viale delle Libertà nel tentativo di sfuggire ai controlli

LECCE - Non aveva la patente di guida, per questo aveva cercato di sottrarsi ai controlli dei poliziotti che alla fine nelle tasche dei suoi pantaloni hanno trovato ben altro dal documento: un cacciavite, un utensile da cucina a due punte, e due coltelli da cucina, uno con lama in ceramica, l’altro seghettato. Nei guai, con una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale e porto di armi od oggetti atti ad offendere, è finito un 48enne leccese, D.R.D, queste le iniziali del nome dell’uomo, già noto alle forze dell’ordine, fermato ieri pomeriggio in via Carlo Leo, a Lecce, dopo un breve inseguimento.

Tutto è partito in viale della Libertà: il 48enne era a bordo di un motociclo di grossa cilindrata mentre transitava a velocità moderata, ma alla vista di una pattuglia della polizia, intuendo che stava per essere fermato, aveva tentato di sottrarsi all’alt, accelerando e zigzagando pericolosamente nel traffico cittadino.

Ma gli agenti delle volanti sono riusciti a raggiungerlo e una volta fermato, D.R.D. avrebbe ammesso di essere fuggito in quanto privo di patente di guida perché ritirata e sospesa per precedenti violazioni. Ma non finisce qui. Dalla successiva perquisizione personale, nelle tasche dei pantaloni, sono stati rinvenuti cacciavite e coltelli.

Considerati i suoi precedenti per furto e porto abusivo di armi, l’uomo è stato indagato in stato di libertà e sanzionato per la guida senza patente con conseguente fermo amministrativo del motociclo e ritiro del documento di circolazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento