Cronaca

Incassa soldi pubblici ma non ha i titoli richiesti

E' di circa 200 mila euro il totale delle contribuzioni per un'impresa agricola, ma per le fiamme gialle non ci sono i requisiti indispensabile per riceverli. Controlli sulle strade del Salento

auto-9

GUAGNANO - Ancora una denuncia alla Procura della Repubblica per indebita percezione di contributi pubblici. Questa volta il deferimento è relativo al titolare di un'azienda di Guagnano per una richiesta di quasi 200 mila euro ottenuti per lo sviluppo dei territori rurali e la valorizzazione delle risorse agricole.

I finanzieri del nucleo di polizia tributaria hanno accertato che l'imprenditore agricolo, per ottenere i finanziamenti, ha indicato falsamente - nella relativa domanda - di essere in possesso dei requisiti previsti. Le fiamme gialle del capoluogo salentino hanno scoperto che il reddito totale indicato era, in realtà, inferiore a quello effettivamente realizzato; le disposizioni in materia prevedono, infatti, che le aziende agricole che intendano accedere a tali forme di contribuzione debbano avere, tra l'altro, un reddito aziendale non inferiore a 11 mila 200 euro.

Il titolare dell'azienda controllata aveva indicato nella domanda di aver conseguito un reddito di oltre 12 mila euro mentre quello dichiarato riportava addirittura una perdita di esercizio. Le fiamme gialle, oltre al segnalare l'azienda all'organismo della Regione Puglia, preposto all'erogazione dei finanziamenti pubblici, per il recupero della somma percepita, hanno proposto un sequestro di beni, cosiddetto "per equivalente" a garanzia del credito.

I controlli di "Estate sicura": 10 segnalati per droga, 3 restano senza patente.

I finanzieri delle compagnie di Lecce, Otranto e Gallipoli con in colleghi delle tenenze di Casarano e Maglie, sono stati impegnati, nelle ultime 48 ore, anche nella attività di controllo del territorio. Sono stati segnalati all'autorità prefettizia 10 giovanissimi, tutti sui venti anni, trovati in possesso di quantità modiche di hashish e marijuana. Ma uno di loro aveva anche mezzo grammo di cocaina, un altro uno spinello preconfezionato. I posti di blocco sono stati posizionati a Lecce, Torre dell'Orso, Ruffano, Sternatia e Maglie ed hanno portato anche al ritiro di tre patenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incassa soldi pubblici ma non ha i titoli richiesti

LeccePrima è in caricamento