Due incendi dolosi: fiamme colpiscono tre auto. Una era in uso a un detenuto

Il primo episodio, alla periferia di Lecce, è avvenuto intorno alle 22,15. Una Opel Astra e una Renault Clio sono state colpite dalle fiamme. L'altro, intorno a mezzanotte, ha invece travolto una Fiat 600 a Sannicola, in uso a un giovane arrestato nel mese di novembre per spaccio di cocaina

L'incendio di via Taranto, a Lecce.

LECCE  – Due incendi, entrambi di natura dolosa, tre autovetture colpite. Questo il bilancio degli incendi che, tra la tarda serata di ieri e la notte, sono avvenuti alla periferia di Lecce e a Sannicola. Il primo episodio è avvenuto in via Amleto Poso, una delle traverse dell’ultimo tratto di via Taranto, in periferia. Intorno alle 22,15, una Renault Clio e una Opel Astra, parcheggiate vicine.

Il primo veicolo, quello dal quale è partito l'incendio, è intestato a un cittadino senegalese ma residente nel capoluogo salentino. Il secondo a un leccese.  Sul posto, sono giunti i vigili del fuoco del comando provinciale, a bordo di due mezzi, per spegnere le fiamme e mettere in sicurezza la via dove, peraltro, si trovavano anche altre autovetture.

Mentre i pompieri domavano l’incendio, tuttavia, gli pneumatici della Opel sono esplosi, rischiando di provocare conseguenze molto più gravi. Nei paraggi è spuntata una bottiglia in plastica, ancora intrisa di liquido infiammabile: quella utilizzata per appiccare il rogo a una delle due vetture.

Alle verifiche hanno anche partecipato gli agenti della sezione volanti della questura leccese, che ora ascolteranno il proprietario del mezzo, per chiarire chi abbia potuto ricorrere a un gesto simile. Un altro episodio doloso, inoltre, si è verificato un paio di ore dopo a Sannicola, in via Aradeo. La Fiat Seicento di proprietà di una donna nata a Maglie, ma in uso a un 36enne del posto, ai domiciliari

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sopralluogo è stato effettuato sia dai pompieri del distaccamento di Gallipoli, giunti su richiesta di alcuni passanti, se dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia della Città Bella. Le indagini, nelle mani dei militari del posto, sono concentrate sui contatti e sui rapporti del 36enne, ristretto al regime degli arresti domiciliari dal mese di novembre scorso. In quell’occasione, i carabinieri lo hanno arrestato per il reato di spaccio di cocaina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento