menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'intervento a Casarano.

L'intervento a Casarano.

Casolare e appartamento in fumo: militari salvano ragazza disabile

Due gli incendi, tra la serata di ieri e la notte, a Novoli e a Casarano: in questo secondo caso i carabinieri si sono inerpicati al primo piano con lenzuola imbevute di acqua. La casa è inagibile

CASARANO – Due gli incendi, nelle ultime ore, nel Salento: il fuoco colpisce un casolare disabitato e un appartamento occupato da una ragazza disabile. Il primo episodio è stato registrato a Casarano dove è andata in fumo una casa. È accaduto al civico 21 di via Napoli, intorno alle 2 della notte, per un rogo scoppiato al primo piano di una bifamiliare. Il fumo ha inondato gli ambienti, tanto che gli occupanti della casa hanno dovuto fare ricorso alle cure degli operatori del 118. Sono stati i militari a inerpicarsi al primo piano, utilizzando i lembi di lenzuola imbevute di acqua. Hanno soccorso un uomo di 56 anni e la figlia, 31enne, inabile e affetta da autismo. Grazie alla collaborazione dei residenti, i carabinieri hanno messo in salvo la giovane donna, caricata in spalle da uno dei carabinieri e poi affidata alle cure dei sanitari.

I pompieri del distaccamento gallipolino hanno infatti raggiunto l’appartamento dove le fiamme, divampate per cause accidentali, hanno annerito le pareti e provocato conseguenze gravi a mobilio, oggetti, impianti e alla stessa struttura. Tanto che, al termine dell’intervento del 115 e del sopralluogo dei dipendenti dell’Ufficio tecnico comunale, l’abitazione è stata dichiarata inagibile. Stando a quanto constato dai “caschi rossi”, da quanto emerso dal controllo effettuato assieme al personale dell’Arma, il rogo sarebbe partito da un improvviso guasto al condizionatore.ROGO 1 -2-3

Il secondo episodio, intorno alle 20 di ieri, a Novoli. Il rogo è divampato in contrada “La Russa”, ai danni di una struttura intestata a una 59enne del luogo, al momento vuota. Sul posto, i vigili del fuoco del comando provinciale per domare la fiammata ed eseguire i rilievi. Al sopralluogo hanno preso parte anche i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina: la matrice dolosa si è fatta strada nel corso della verifica, per via della modalità con cui l’incendio si è propagato. Quest’ultimo ha divorato alcuni oggetti presenti nell’edificio, ma i danni sono ancora in fase di quantificazione. La proprietaria del casolare ha dichiarato ai militari dell’Arma di non aver ricevuto minacce, né di essere coperta da polizza assicurativa contro gli incendi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento