Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca Via Vittorio Emanuele

Da storia d'amore a incubo: lei gli brucia l'automobile

Due gli episodi, a Nardò e Cutrofiano. Nel secondo, è stata identificata e deferita una 42enne: ha utilizzato liquido infiammabile per incendiare la Punto del convivente

Le foto si riferiscono a Nardò, dove i danni sono stati per migliaia di euro.

CUTROFIANO – Cuori "infiammati", è il caso di dirlo. La storia d'amore finisce male e lei incendia l'auto dell'ex convivente. Sono due i veicoli distrutti dalle fiamme fanno sempre meno notizia nel Salento. Ma questa volta, in almeno uno dei due casi, un responsabile è stato rintracciato e denunciato. Si tratta in realtà di "una" piromane, fermata a Cutrofiano per l’incendio ai danni della Fiat Punto del suo ex.

Tutto è accaduto nel cuore della notte in via Vittorio Veneto, dove la vettura di un uomo del posto, di 44 anni, ha preso fuoco.  L’autrice del gesto, munita di bottiglia, avrebbe versato della benzina sulla carrozzeria per poi appiccare il fuoco. All’origine del fatto, almeno secondo quanto inizialmente ricostruito, la fine della relazione fra i due.

IMG_20170609_095336-2Sul posto, per spegnere il rogo, i vigili del fuoco del comando provinciale.  I pompieri hanno subito scorto le tracce di liquido infiammabile e allertato le forze dell’ordine. Sono stati poi i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia gallipolina, guidati dal capitano Francesco Battaglia, a risalire all’identità della donna, denunciata in stato di libertà in un secondo momento. I militari dell’Arma sono stati inoltre costretti ad intervenire anche a Nardò, in via Tollemeto, dove è andato in fumo un furgone Peugeot, intestato a un 56enne del luogo, disoccupato e incensurato.

Il camion è stato completamente distrutto dalla fiammata: quest’ultima ha poi annerito la facciata dell’edificio accanto, per un danno complessivo che si aggira attorno a diverse migliaia di euro. Il fuoco è divampato per motivi che non è ancora dato sapere ma che potrebbero essere quasi certamente di natura dolosa. Gli inquirenti, guidati dal luogotenente Giuseppe Serio, stanno indagando, dopo aver ascoltato il titolare del furgone. Ma, purtroppo, l’attività di indagine non è supportata da filmati: nell’isolato, infatti, non vi sono videocamere di sorveglianza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da storia d'amore a incubo: lei gli brucia l'automobile

LeccePrima è in caricamento