rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Ugento

Secondo rogo in 24 ore a Torre San Giovanni distrugge bar. In fiamme Audi di un consigliere

La caffetteria all’interno di un’area di rifornimento nella marina di Ugento ha preso misteriosamente fuoco: complesso intervento dei pompieri, vista la presenza di numerose bombole di Gpl sul post. Danni anche a una serra delle vicinanze. A Gallipoli, incenerita la vettura di un esponente della maggioranza


TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) – Preoccupante escalation del fenomeno degli incendi nel Salento. Nella notte appena trascorsa altri due gli episodi registrati: uno a Gallipoli, dove è stato preso di mira un politico locale e l’altro a Torre San Giovanni dove, appena 24 ore prima, malviventi hanno appiccato le fiamme a tre veicoli di proprietà della famiglia di un professionista. Qui, i pompieri dei distaccamenti di Tricase e Ugento sono infatti intervenuti nella stazione di rifornimento all’ingresso della marina di Ugento, dove ha preso misteriosamente fuoco il bar presente all’interno dell’area.

Al loro arrivo, la situazione si è mostrata piuttosto critica: non soltanto per l’estensione dell’incendio che, ormai, si era fatto strada investendo completamente il locale. Ma anche per via della presenza di diverse bombole di Gpl che hanno reso le operazioni ancora più complesse. I contenitori metallici sono stati subito allontanati per scongiurare conseguenze, ma le fiamme hanno provocato danni davvero ingenti alla struttura e anche a parte della copertura di una serra vicina.

Sconosciuta, per il momento, la natura dell’accaduto. Sebbene “caschi rossi” e carabinieri, intervenuti per le indagini, nutrano pochi dubbi sulle origini dolose del fuoco. Si sta cercando di scavare per chiarire eventuali correlazioni con l’episodio avvenuto appena 24 ore prima, nella marina ionica, nel quale sono stati distrutti tre veicoli parcheggiati in strada.

Image-3-14

Oggetto di indagine anche un secondo episodio, sempre intorno all’una e mezzo della notte, che si è verificato a Gallipoli. Il personale del 115 del luogo è infatti intervenuto con urgenza per domare le fiamme partite in via Agrigento e che hanno incenerito l’Audi Q5 intestata a Ugo Ghiaccio, 46enne del posto e consigliere comunale con delega a Cimitero, Gestione reti idriche e marine. Il mezzo è ormai inutilizzabile: i pompieri hanno potuto soltanto evitare che quella fiammata potesse espandersi anche agli altri veicoli parcheggiati nelle vicinanze.

Le forze dell’ordine faranno ora il resto: il loro compito stabilire se si sia trattato, come si sospetta, di un rogo appiccato da qualcuno e chiarirne i contorni. Resterà inoltre da capire se il messaggio col fuoco fosse destinato all'attività politica della vittima o a qualle professionale: Ghiaccio, eletto nell'ambito della lista civica "È giunta l'ora", è infatti titolare di un bar nella Città Bella.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Secondo rogo in 24 ore a Torre San Giovanni distrugge bar. In fiamme Audi di un consigliere

LeccePrima è in caricamento