rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Morciano di Leuca

I roghi nel Salento non si fermano più: tutte le squadre su più fronti

Il bosco tra Barbarano del Capo, Giuliano di Lecce e Morciano di Leuca continua a bruciare anche oggi. E si sommano interventi ovunque, fra cui Cutrofiano, Otranto e Gallipoli

LECCE – Il Salento continua a bruciare, ininterrottamente. La provincia di Lecce è quella che più di tutte patisce il dramma dei roghi (464 incendi su 943 in Puglia in soli quindici giorni, dal 15 al 30 giugno, secondo dati diffusi nei giorni scorsi) e quanto sta avvenendo oggi n’è esempio lampante.

Basti pensare che il bosco tra Barbarano del Capo, Giuliano di Lecce e Morciano di Leuca sta bruciando da ieri e che anche oggi sono al lavoro due squadre, coadiuvate da un Dos (direttore operazioni di spegnimento dei vigili del fuoco) per tentare di porre un argine. Il rogo è particolarmente esteso, tanto che è stato necessario anche l’invio di mezzi aerei.

Il Salento continua a bruciare

In realtà, fin dalle 8 di questa mattina i vigili del fuoco di Lecce sono impegnati con tutte le squadre del comando provinciale e dei distaccamenti su vari fronti. Fra gli episodi principali, oltre a quello nell’area di Leuca, si segnalano quelli di Cutrofiano, in contrada Neviera, dove le fiamme hanno rischiato di investire anche alcune abitazioni e di Baia Verde, dove la squadra di Gallipoli, con il supporto dell’autobotte, è stata impegnata su un altro vasto incendio di alberi e canne.

A anche a Otranto, in località Panareo, sulla zona litoranea, un incendio è arrivato a minacciare alcune abitazioni e ha dovuto operare la squadra di Maglie con il Dos. Non bastasse questo, sulla Leverano-Porto Cesareo un camion e una barca sono stati interessati da un rogo che ha visto impegnata la squadra di Veglie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I roghi nel Salento non si fermano più: tutte le squadre su più fronti

LeccePrima è in caricamento