menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto della protezione civile di Matino.

Foto della protezione civile di Matino.

Vasto incendio distrugge ettari di canneto. Intervento anche di un Canadair

Pomeriggio impegnativo per vigili del fuoco, forestale e protezione civile per un incendio che ha interessato la vegetazione e le campagne in località Masseria Bianca tra Gallipoli e Taviano. In serata necessario l'intervento aereo

GALLIPOLI – Un vasto incendio, divampato nel  pomeriggio di oggi, ha tenuto impegnati per quasi cinque ore uomini e mezzi dei vigili del fuoco, del corpo forestale e volontari della protezione civile nella zona sud di Gallipoli. Alla fine intorno alle 19,30 è arrivato anche il supporto di un canadair, partito da Lamezia Terme, che ha effettuato diversi lanci di acqua prelevata dal mare, per debellare completamente le lingue di fuoco e far rientro intorno alle 21,30.

L’incendio si è propagato poco dopo le 16 tra la vegetazione e le campagne in località Masseria Bianca lungo il litorale sud di Gallipoli che si affaccia sul parco naturale di Punta Pizzo e zona Li Foggi e a cavallo tra i territori confinanti con Taviano e Matino. La zona densa di alta vegetazione è stata interessate a incendiopcmatino-2lungo dalle fiamme che hanno messo a rischio, potenzialmente, una zona di circa 700 ettari di canneto e macchia mediterranea, e con la presenza in alcuni tratti anche di uliveti. Diversi ettari, in prevalenza di canneto, sono stati arsi dal fuoco e le fiamme hanno lambito anche la vicina pineta.

Sul posto hanno operato alcune squadre dei vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli e Ugento, e del comando provinciale di Lecce, del corpo forestale e dell’Arif (l’Agenzia regionale per la attività irrigue e forestali), e  i volontari della protezione civile Cir di Gallipoli, e dei sodalizi di protezione civile di Matino e Taviano.          

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento