Cortocircuito alla lavatrice scatena il fuoco al terzo piano: intossicata proprietaria

E’ accaduto in mattinata, in Piazzale Bologna, nei pressi dello stadio di Lecce. Fuori pericolo la donna

Foto di repertorio

LECCE – Paura in città, nella tarda mattinata, per un incendio divampato al terzo piano di una palazzina. A causa di un cortocircuito, partito per un improvviso guasto alla lavatrice, è scoppiata una fiammata che ha invaso un’abitazione di Piazzale Bologna di fumo, non molto distante dallo stadio di Lecce.

Immediati i soccorsi dei condomini alla sfortunata proprietaria di casa. Sul posto, sono stati fatti giungere i vigili del fuoco del comando provinciale. Con due mezzi, una autobotte e uno dotato di scala, i “caschi rossi” hanno soccorso la donna, per poi affidarla alle cure degli operatori del 118. Intanto, i pompieri hanno proseguito con lo spegnimento del rogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’inquilina dell’appartamento è stata accompagnata presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, per essere sottoposta alle visite dei medici. Ha riportato una lieve intossicazione, ma nulla che lasci pensare a un serio pericolo. I danni arrecati dal fuoco alla casa sono ancora in fase di quantificazione. Il resto delle abitazioni non hanno subito alcuna conseguenza. Ma soltanto durante una successiva ispezione da parte dei vigili del fuoco sarà possibile stabilire se siano stati o meno intaccati gli impianti della casa colpita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento