Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Via San Francesco

Ancora fiamme nel cuore della notte. A fuoco l’Alfa di un 44enne

L'incendio, scoppiato intorno all'una e venti, ha colpito il vano motore del veicolo, di proprietà di un uomo di Novoli, con precedenti per droga alle spalle. Sul posto pompieri e carabinieri della compagnia di Campi Salentina per le indagini

Foto di repertorio

NOVOLI – Le fiamme hanno colpito ancora un’autovettura, a Novoli. Intorno all’una e venti della notte, infatti, l’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale ha messo in sicurezza via San Francesco, dove era appena scoppiato un incendio. Il rogo ha danneggiato notevolmente un’Alfa 156, di proprietà di M.F., un 44enne del posto, già noto alle forze dell’ordine per alcuni precedenti legati al mondo della droga, risalenti ad una decina di anni addietro e per i quali l’uomo ha scontato una pena in carcere.

Sul luogo i pompieri non hanno riscontrato tracce di liquido infiammabile o altri elementi riconducibili al gesto di qualcuno, ma non escludono si possa trattare di un rogo di natura dolosa. Il fuoco sembrerebbe essere partito dal vano motore, ma le lamiere consumate non consentono una ricostruzione precisa di quanto accaduto.

Le indagini sono nelle mani dei carabinieri della stazione locale e dei colleghi della compagnia di Campi Salentina, i quali hanno ascoltato il 44enne. Quest’ultimo avrebbe dichiarato di non aver  ricevuto intimidazioni di alcun tipo, né messaggi minatori in passato. I militari dell’Arma sono comunque alla ricerca di altri indizi che smentiscano o confermino la volontarietà di qualcuno nell’episodio di questa notte. Soltanto una decina di giorni addietro, sempre a Novoli, anche il veicolo di un imbianchino venne avvolto dalle fiamme, per cause sconosciute, alimentando  le statistiche di una zona in cui quella degli incendi ai danni di mezzi è diventato un vero e proprio fenomeno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora fiamme nel cuore della notte. A fuoco l’Alfa di un 44enne

LeccePrima è in caricamento