Fiamme nella notte a Porto Cesareo. Brucia la Fiat di un pescivendolo

La Punto di un ragazzo di 26 anni, del luogo, è andata in fumo per motivi ancora da chiarire. Da quantificare il danno arrecato dalle lingue di fuoco, domate dai pompieri del distaccamento di Veglie. I rilievi, eseguiti dai carabinieri della compagnia di Campi Salentina

Foto di repertorio

PORTO CESAREO – Un’altra auto in fiamme, nella notte. E’ accaduto a Porto Cesareo, in via Amerigo Vespucci, dove la Fiat Punto Evo , appartenente a un pescivendolo di 26 anni del posto, ha peso fuoco per cause difficili da accertare. Sul posto, sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, per le operazioni di spegnimento, assieme ai carabinieri de Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina, per chiarire l’accaduto.

Nessuna traccia è stata rinvenuta negli istanti successivi al rogo. I pompieri hanno effettuato un primo sopralluogo, alla presenza dei militari dell’Arma. E questi ultimi, inoltre, hanno anche ascoltato lo stesso titolare del mezzo, per ricavare eventuali elementi utili alla ricostruzione della dinamica.

Secondo il giovane, tuttavia, il mezzo avrebbe già dato in passato diversi problemi. A causa di alcuni guasti al quadro elettrico non si esclude, infatti, che le fiamme possano essere divampate proprio da lì. Un’ipotesi avvalorata anche dal fatto che nessun contenitore sospetto, né tracce di liquido infiammabile sono state trovate nei paraggi. Nessuna pista resta però esclusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

  • Si fingeva chef stellato per molestare universitarie: preso 23enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento