Divampa l’ennesimo incendio in provincia: distrutta una vecchia Alfa 156

L’episodio intorno alle 2,25 della notte, a San Donato di Lecce. A prendere fuoco il veicolo di un uomo, incensurato, che si trovava parcheggiato in strada. Indagano i carabinieri

Il veicolo distrutto.

SAN DONATO DI LECCE  - Un incendio anche nel cuore della scorsa notte. È divampato, per cause ancora in fase di accertamento, a San Donato di Lecce. Le fiamme hanno avvolto la carrozzeria dell’auto di proprietà di un uomo incensurato, che si trovava parcheggiata nei pressi di casa sua, in via Don Antonio Greco.

Il rogo è partito intorno alle 2,25 richiamando l’attenzione del vicinato, svegliato dal crepitio dei vetri mandati in frantumi dal calore. Sul posto, i vigili del fuoco del comando provinciale per cercare di contenere i danni sulla vecchia Alfa 156, modello station wagon. I danni, però, sono notevoli e visibili, seppur in fase di quantificazione. Sul luogo dell’accaduto, per eseguire un sopralluogo assieme ai pompieri, anche i carabinieri della Sezione radiomobile della compagnia del capoluogo salentino, assieme ai colleghi della stazione di San Cesario di Lecce.

Le origini delle fiamme, al momento, sono sconosciute, ma non si esclude che il rogo possa essere scoppiato per un guasto al quadro elettrico, data l’usura del veicolo. Difficile stabilirlo con certezza, giacchè la fiammata ha consumato tutto, senza lasciare tracce. I militari dell'Arma sono alla ricerca delle videocamere di sorveglianza installate nel centro abitato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento