Misterioso rogo nella villa di un imprenditore balneare e candidato della Lega

Qualche minuto prima della mezzanotte, a Spiaggiabella, un incendio ha annerito i muri della villetta di un aspirante consigliere comunale a Palazzo Carafa

L'esterno dell'abitazione estiva del candidato.

SPIAGGIABELLA (Lecce) – Potrebbe essere letto nel contesto di un clima incandescente, tra elezioni comunali, europee e la visita del ministro Matteo Salvini di questa mattina, l’incendio divampato qualche minuto prima della mezzanotte a Spiaggiabella, la marina leccese, davanti all’abitazione estiva di un candidato della Lega in città, Luca Errico.

Il rogo, partito in via Ustica, ha infatti colpito la casa dell’imprenditore e titolare del Lido Kalu, nella marina adriatica, nonché aspirante consigliere a sostegno di Erio Congedo nella corsa a Palazzo Carafa. Sul posto, allertati da alcuni passanti che hanno notato la colonna di fumo, i vigili del fuoco del comando provinciale per domare le fiamme.  I pompieri, i quali hanno subito messo in sicurezza la strada, dove sono presenti altri appartamenti abitati soprattutto durante la stagione estiva, hanno a loro volta chiamato le forze dell’ordine. I danni complessivi sono ingenti: le fiamme hanno colpito soprattutto la facciata della villetta, circondata da un alto muro di cinta, annerendola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I rilievi sono stati infatti eseguiti alla presenza degli agenti di polizia della sezione volanti del capoluogo salentino. Il personale del 115 non ha rinvenuto nulla di sospetto durante il sopralluogo al termine delle operazioni: ma ciò potrebbe essere dovuto anche al calore che ha divorato tutto, tracce comprese. Resta pertanto complesso stabilire la natura dell’accaduto, anche se la matrice dolosa non è esclusa: la polizia continuerà ad indagare. Qualora l'eventuale dolo dovesse essere confermato, anche tramite l'ausilio delle videocamere installate nella marina, gli inquirenti cercheranno di chiarire se l'episodio sia riconducibile a un contesto politico o a dissapori di natura porfessionale o privato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • La collisione, la caduta e la barca che affonda. “Sentivo il risucchio dell’elica”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento