menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Divampa un incendio: completamente distrutto casolare di un finanziere

Si indaga sul rogo che, nella serata di martedì, ha reso inagibile la struttura a Castiglione d’Otranto, di proprietà di un sovrintendente delle fiamme gialle

CASTIGLIONE D’OTRANTO(Andrano) -  Misterioso incendio divampa in campagna e distrugge il casolare di un finanziere: è accaduto nella serata di ieri, a Castiglione d’Otranto. Le fiamme, divampate per cause ancora in fase di accertamento, sarebbero partite dal magazzino della struttura, che ospita alcune balle di fieno in località “Paiare”, nel territorio della piccola frazione di Andrano.

L’immobile è di proprietà di un 56enne del luogo, sovrintendente della guardia di finanza e in servizio presso la vicina tenenza delle fiamme gialle di Tricase. Sono giunti proprio dal distaccamento tricasino i vigili del fuoco, intervenuti per domare il rogo ed evitare ulteriori conseguenze.  Terminate le operazioni di spegnimento delle fiamme e di messa in sicurezza dell’intera area, il personale del 115 ha eseguito il sopralluogo alla ricerca di tracce utili a definire la tipologia di incendio.

 I danni sono ingenti, sebbene non ancora del tutto quantificati e, purtroppo, non coperti da un’assicurazion: si parla di svariate decine di migliaia di euro. La struttura, peraltro, è stata dichiarata inagibile al termine della perizia. Le conseguenze arrecate dal fuoco hanno infatti intaccato la stessa tenuta dell’edificio, che ora risulta inutilizzabile. Sul luogo, per partecipare ai rilievi e avviare le indagini, i carabinieri della stazione di Spongano e i colleghi della compagnia di Tricase. Il titolare del casolare è stato già ascoltato, ma l’attività investigativa non potrà essere sostenuta dalle videocamere: la zona è infatti sprovvista di videosorveglianza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento