Piromani colpiscono auto in uso a un bagnino, fiamme anche a una casa

Notte di fuoco anche a Melendugno e a Casarano. Nel primo episodio, distrutta un’Alfa intestata a un 59enne, ma usata dal figlio. Nel secondo, danni per cause accidentali a un'abitazione

Foto di repertorio.

CASARANO – Fiamme anche a Casarano e a Melendugno. Nella scorsa notte, infatti, i vigili del fuoco del comando provinciale hanno proceduto con due interventi. Il primo, nella cittadina del basso Salento intorno alle 2 e mezzo. Sulla via provinciale che collega Casarano a Maglie, infatti, è andata a fuoco un’abitazione intestata a una donna di 53 anni, una cameriera del luogo. Le fiamme sarebbero partite da un sovraccarico elettrico, per motivi accidentali.

Fortunatamente, a parte i danni provocati all’appartamento, i quali non sono coperti da una polizza assicurativa, la donna non ha riportato ferite. I vigili del fuoco del distaccamento gallipolino hanno domato le fiamme e poi hanno proceduto con la messa in sicurezza, alla presenza dei carabinieri della compagnia locale. Un paio d’ore più tardi, inoltre, le fiamme hanno invece colpito una vettura parcheggiata in via Borgagne, a Melendugno.

Si tratta di un’Alfa Rome Giulietta intestata a un 59enne del luogo, poliziotto in pensione, ma in uso al figlio, un 28enne di professione bagnino. I danni arrecati al veicolo sono ancora in fase di quantificazione, ma i militari della compagnia di Lecce, sopraggiunti assieme ai pompieri, nutrono pochi dubbi sulla natura dolosa dell’accaduto. Le indagini sono ora nelle mani degli uomini dell’Arma della stazione di Melendugno, ai quali spetterà il compito di ascoltare la vittima del gesto per cercare di risalire ai piromani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento