rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Rudiae / Via Raul Follereau

Fuoco colpisce ancora: distrugge l’auto di una coppia e danneggia quella della suocera

L’incendio, di sospetta matrice dolosa, si è verificato all’interno del cortile di un immobile bifamiliare, alla periferia di Lecce. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, anche gli agenti di polizia della sezione volanti

LECCE – Il fuoco ha colpito anche la scorsa notte: ennesima vettura distrutta da un incendio nel Salento. È accaduto in città dove le fiamme, certamente appiccate da qualcuno, hanno divorato completamente una Fiat 500, intestata a una coppia del luogo, incensurata. L'auto  si trovava parcheggiata all’interno di un cortile di un immobile bifamiliare, in via Raul Follerau, nei pressi di via Vecchia Carmiano.

Il rogo è divampato intorno alle 4, quando le lingue di fuoco hanno avvolto la carrozzeria del veicolo per poi propagarsi anche al mezzo che si trovava accanto: una Smart di proprietà della madre della donna. Il fuoco, in questo caso, ha arrecato dei danni alla parte posteriore. Il valore delle conseguenze subite non è stato ancora quantificato, ma si parla di diverse migliaia di euro di euro.

Sul posto, allertati dagli stessi titolari, sono giunti i vigili del fuoco del comando provinciale per domare l’incendio e mettere subito in sicurezza l’edificio prima che potessero verificarsi conseguenze ancora più gravi. Al termine delle operazioni più urgenti i pompieri hanno poi eseguito il consueto sopralluogo alla ricerca di indizi utili alle indagini, alla presenza del personale della questura.

Non sarebbe stato rinvenuto nulla di particolare rilevanza. Eppure la modalità in cui è scoppiato l’incendio lascia propendere gli inquirenti verso il gesto di matrice dolosa. L’attività è ora volta all’ascolto dei malcapitati e a eventuali altri utilizzatori, tra famigliari e conoscenti, dei veicoli danneggiati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuoco colpisce ancora: distrugge l’auto di una coppia e danneggia quella della suocera

LeccePrima è in caricamento