Cronaca Galatone

Incendio doloso: distrutti 26 ettari di vegetazione

Galatone: gli agenti della Forestale sono intervenuti per spegere un rogo in una vasta area a vincolo paesaggistico ed idrogeologico in località "La Reggia". Distrutti 250 alberti ad alto fusto

Sono decine al giorno gli incendi ai danni della macchia mediterranea e ai boschi sparsi sul tutto il territorio salentino. E la causa di questi danni ambientali alla vegetazione è quasi sempre di natura dolosa. Come per l'incendio che hanno dovuto circoscrivere gli agenti della Forestale di Gallipoli in località "La Reggia - Torre Alto Lido", a Galatone, in una vasta area sottoposta a vincolo paesaggistico ed idrogeologico.

Il fuoco ha devastato oltre 26 ettari di vegetazione, di cui 12 ettari di bosco di Pino d'Aleppo. Si tratta di 250 piante con fusti alti 7 metri il cui diametro varia da 20 centimetri a 50 centimetri. Gli agenti della Forestale suppongono che il fuoco abbia avuto inizio dal margine della litoranea che collega Lido Conchiglie a Santa Maria al Bagno. Le cause? Con tutta probità sono di origine colposa, in considerazione del fatto che nei paragi gli agenti hanno rinvenuto alcuni resti di cumuli di rifiuti.

Sul versante anti-abusivismo edilizio sempre la Forestale di Gallipoli ha denunciato una persona di Galatina che aveva edificato, senza permesso edilizio in una campagna di Gallipoli sottoposta a vincolo paesaggistico ed idrogeologico, località "Padula Bianca", un vano rustico di circa 6 metri quadrati. La costruzione si trovava su un terreno dove erano stati realizzati lavori di un battuto di cemento di circa 80 metri quadrati. Inoltre gli agenti hanno accertato che sul lato Nord della recinzione dell'area era stato ricavato un varco d'accesso mediante la realizzazione di due colonne di mattoni in cemento e l'installazione di un cancello in ferro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio doloso: distrutti 26 ettari di vegetazione

LeccePrima è in caricamento