Attentato incendiario in città: a fuoco il furgone dei panini e una vettura

Le fiamme sono divampate nel cuore della notte in via Gallipoli, a ridosso del centro di Lecce. L'ennesimo mezzo di un venditore ambulante è stato messo fuori uso, assieme a un'auto parcheggiata accanto

Vigili del fuoco e carabinieri sul luogo dell'incendio

LECCE  - Non c’è pace per i venditori ambulanti di panini e bevande. A distanza di poche ore dai quattro arresti, tra Copertino e Gallipoli, nell’ambito di una operazione denominata “Street food” e relativa alle licenze dei cosiddetti “paninari”, ecco l’ennesimo incendio in città. E’ accaduto nel cuore della notte in via Gallipoli: a ridosso del centro storico, della sede della Camera di Commercio di Lecce e, assurda coincidenza, anche degli uffici della questura.

Le fiamme hanno avvolto lo storico furgone parcheggiato in zona, di proprietà di L.M., allestito per la somministrazione di piatti a base di carne e bevande. Le lingue di fuoco, divampate soprattutto nella parte anteriore del mezzo, hanno anche messo fuori uso una vettura Citroen parcheggiata davanti. Qualcuno, davanti al fumo denso e alla fiammata ormai visibile, ha allertato il 115. Sono stati i vigili del fuoco del comando provinciale a spegnere il rogo e ad effettuare, alla presenza ei carabinieri, un sopralluogo nell’isolato. I danni sono ingenti: ancora in fase di precisa quantificazione, si aggirerebbero attorno a diverse decine di migliaia di euro. Ora si cercano i filmati delle videocamere, nei quali potrebbe celarsi il volto dell’autore del gesto.

L’episodio, avvolto quasi certamente dall’ombra del racket, è ora al vaglio degli inquirenti. Presenta molte, troppe, analogie con altri fatti accaduti nel capoluogo salentino. A turno, infatti, ciascun camioncino è stato danneggiato nel corso degli ultimi mesi e anni dalle fiamme. Che non possono essere frutto di un incidente. Fatta eccezione per il più recente degli incendi, avvenuto a Roca alcuni giorni addietro e dove pare che ad andare a fuoco sia stato un frigorifero, non si contano i roghi dolosi tra Lecce e il Salento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento