Ancora un incendio. Le fiamme avvolgono il furgone di un imprenditore

Un rogo è scoppiato, intorno alle 23,15, in una via di Ugento. Il rogo ha colpito un Ford Connect, intestato a un 41enne del posto, titolare di una ditta specializzata nell'arredamento da esterni. Forse un cortocircuito all'origine dell'accaduto. Sul posto, vigili del fuoco del distaccamento locale e carabinieri

Foto di repertorio

UGENTO – Le fiamme hanno illuminato la via, intorno alle 23,15, quando in giro non c’era più anima viva. Un incendio ha colpito un furgone, un Ford Connect, parcheggiato in via Taurisano, a Ugento. Le fiamme sono divampate per cause che sono ancora da accertare. Ma quel che è certo è che il rogo ha arrecato diversi danni al mezzo, appartenente a L.D., un 41enne del posto, incensurato, titolare di una ditta specializzata in arredamenti per esterni, del luogo.

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento locale, assieme ai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano. I pompieri hanno domato le fiamme ed eseguito un primo sopralluogo, alla presenza del personale dell’Arma. Nei paraggi non sono state rinvenute tracce riconducibili alla matrice dolosa.

Gli inquirenti sono più propensi a valutare l’ipotesi di un cortocircuito provocato da un guasto al motore. Il giorno precedente, infatti, il proprietario del camion ha effettuato alcuni lavori di manutenzione. Non è escluso che siano stati proprio quegli interventi a provocare l’accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

  • Violento scontro fra auto: un uomo d’urgenza in ospedale con un trauma alla schiena

Torna su
LeccePrima è in caricamento