menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Brucia il box con auto ed elettrodomestici: notte da incubo per una famiglia

L'incendio, di natura accidentale, forse per residui di pellet. Morte per il calore anche alcune galline in un recinto vicino

NARDO’ – L’incendio è stato a dir poco devastante. Un intero garage distrutto dal fuoco, con tutti i veicoli che si trovavano parcheggiati all’interno (un’auto e uno scooter), più elettrodomestici e altri oggetti lì depositati. E non solo. Il riverbero del calore è stato tale che ha provocato probabilmente anche la morte di sette galline che si trovavano in un recinto adiacente al luogo in cui è scoppiato il rogo.

È stata una notte da dimenticare, quella appena trascorsa, per una famiglia di Nardò che risiede in una villetta sulla strada provinciale 112, in località Cenate, rione poco al di fuori della città. Madre, padre e due figli, entrambi minorenni, sono stati costretti a uscire di corsa da casa, intorno alle 23,30, e a richiedere soccorso, quando si sono accorti che l'interno del garage era avvolto dal fumo e non c’era possibilità di risolvere il problema se non contattando i vigili del fuoco. Le fiamme, infatti, ormai già alte.

Oltre ai vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli, sul posto è arrivata anche un’ambulanza del 118. Poco dopo, anche una volante del Commissariato di polizia neretino. Per fortuna, comunque, nessuno è rimasto ferito o intossicato, nemmeno fra il vicinato. Ma i danni, una volta spente le fiamme e svolto un primo inventario, sono stati davvero notevoli: distrutti una Ford Fiesta, uno scooter, un’asciugatrice e una lavatrice. Poi, si sono scoperte anche le povere galline morte nelle immediate vicinanze.

Quanto alle cause, sono state di tipo accidentale, come verificato dagli stessi vigili del fuoco. A quanto pare, sarebbe accaduto questo: nel pomeriggio un tecnico chiamato per manutenzione a una stufa a pellet ha rimosso il materiale combustibile, lasciato poi in un recipiente, nel giardino. A tarda ora, nella convinzione che quei residui si fossero ormai spenti, la proprietaria di casa avrebbe depositato il recipiente in garage. E da qui, dunque, si dovrebbe essere sviluppato il rogo, con tutte le conseguenze del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento