Incendio in un deposito di elettrodomestici. A giugno già un'esplosione

E' successo a Taurisano, in via Verdi. Sul posto i vigili del fuoco di Tricase e gli agenti del commissariato di polizia

Foto di repertorio.

TAURISANO – Se a giugno si erano covati sospetti nel malfunzionamento di un frigorifero, anche se si era pure ipotizzato l’atto doloso (considerando che vi era stata un’esplosione), questa volta non sembrano davvero esservi dubbi, fin da subito: all’origine, un cortocircuito, forse anche con la complicità del maltempo. L’aspetto singolare, però, risiede nel fatto che il danno abbia riguardato sempre lo stesso piccolo deposito di elettrodomestici via Verdi, nel centro di Taurisano, di proprietà di un 43enne noto alle forze dell’ordine.

L’incendio è divampato poco prima delle 17 di oggi. Quando alcuni passanti hanno notato del fumo uscire dall’immobile, hanno subito chiamato i vigili del fuoco. La sala operativa ha così smistato sul posto una squadra dal distaccamento di Tricase. Le fiamme sono state spente in breve tempo, ma all’interno i danni, fra bruciature e annerimento, non sono mancati. In via Verdi sono arrivati anche gli agenti di polizia del commissariato locale, che hanno raccolto qualche particolare. Non sono state notate persone entrare o uscire dal deposito e la porta era regolarmente chiuse. Le fiamme si sono sviluppate dall’interno.

Ben peggio è successo a giugno, quando, nel cuore della notte, in quel deposito si è verificata un’esplosione. Non sono mancati, in quel caso, i danni collaterali, alle finestre di alcune abitazioni vicine e di un’autovettura posteggiata nelle vicinanze.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento